Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Radio Vs New Media (la radio e i nuovi media)

La tesi formalizza una overview sul fenomeno della convergenza non solo tecnologica, ma anche di linguaggio, tra vecchi (la radio) e nuovi (internet) media.
Propone un formato ed un modello di business per una radio universitaria in Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA Il progetto di ricerca denominato “Radio Campus” prende spunto da uno studio preliminare di fattibilità da me realizzato su iniziativa della cattedra di Teorie e Tecniche del Linguaggio Radiotelevisivo presso il Corso di Laurea in Scienze Della Comunicazione dell’Università degli Studi di Salerno, nel mese di giugno del 1996. L’ambiziosa ed affascinante idea era quella di realizzare una emittente radiofonica, facente capo al Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione di Salerno, la quale potesse essere organizzata e gestita dai suoi stessi studenti e docenti in una sinergia di esperienze e professionalità senza precedenti nel nostro Paese. Una sorta di Palestra-Laboratorio-Impresa per studiosi della comunicazione di massa, giornalisti, esperti nella comunicazione pubblicitaria, nella produzione, nella postrealizzaione e nelle tecnologie dei nuovi media. Una struttura autonoma che seguendo i propri prodotti in ogni fase della loro realizzazione potesse occupare un mercato ancora tutto da scoprire, quello delle emittenti radiofoniche colte (ma non troppo), già ampiamente consolidato nell’esperienza massmediale nordamericana. Al momento dell’ideazione di questo progetto, feci presente la imprescindibilità dall’uso delle nuove tecnologie di trasmissione, riferendomi in special modo alla piattaforma digitale ed alla diffusione prevalentemente satellitare. Ciò per due ordini di motivi: 1) L’affollamento dell’etere e le attuali normative in merito alla emittenza radiotelevisiva rendono estremamente farraginoso, per non dire utopico, l’uso analogico della modulazione di frequenza per la distribuzione del se- gnale; inoltre questo tipo di trasmissione richiederebbe complessi e dispen- diosi compiti di controllo e pianificazione sul territorio (manutenzione degli impianti, controllo delle frequenze, concorrenza sleale, ecc); al contrario, il ricorso alla distribuzione digitale via satellite consentirebbe alla struttura di produzione di disinteressarsi completamente del broadcasting (in questo caso internazionale) che verrebbe garantito dalla società proprietaria del canale, permettendo all’emittente stessa di concentrarsi unicamente sul prodotto .

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppe Cunetta Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8165 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.