Skip to content

La città dimenticata: il quartiere Angeli e il territorio di Caltanissetta

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Zizzo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Francesco De Simone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

Il fenomeno urbanistico di questo secolo, mai come oggi, ha profondamente caratterizzato l’espansione delle nostre città e la trasformazione del loro territorio, ma il nostro, è un periodo caratterizzato da profonde contraddizioni e da vari fenomeni sociali, che sovente influenzano negativamente anche i migliori propositi progettuali di sviluppo. La conseguenza diretta di queste logiche porta a considerare alcuni aspetti dell’architettura delle nostre città come qualcosa di avulso dalla storia stessa.
I concetti che accompagnano il divenire della città moderna sembrano decretare il declino inesorabile di un passato rappresentato dai centri storici, patrimonio culturale che sempre più spesso rovina sotto il peso di un dibattito culturale senza fine.
L’opera architettonica intesa come “organismo vivente”, non si può pensare di congelarla, ma allo stesso tempo non si può pensare di distruggerla quando essa non preserva più la sua destinazione d’uso.
La proposta di progetto che matura in seno a queste premesse scaturisce da un’attenta analisi delle relazioni morfologiche, storico economiche e tipologiche che regolano o hanno regolato la parte più antica della città di Caltanissetta, il “quartiere Angeli”, che prende il nome dalla omonima chiesa trecentesca che in esso sorge. L’obiettivo è quello di dare risposta alle esigenze strutturali del quartiere nell’ottica di una riorganizzazione socio-economica e culturale dell’antico borgo e al contempo definire un margine urbano frammentato ed episodico.
L’area relativa al progetto si sviluppa a cavallo della Via Angeli; attorno a piccole piazze irregolari, poste a quote differenti, si attestano edifici polivalenti che accolgono attività culturali, servizi pubblici ai piani terreni e funzioni abitative ai piani superiori. Nella parte bassa della via, una passeggiata panoramica corre su un muro e consente la vista dell’intera rocca di Pietrarossa (luogo su cui sorgeva l’omonimo castello a difesa della città e delle sue terre), che si staglia sul suggestivo scenario della campagna nissena.
In prossimità di uno sperone roccioso, giù per il Vallone della Difesa, è presente un gruppo di case rurali, delle quali si prevede il riadattamento come azienda agrituristica con particolare attenzione per le coltivazioni aromatiche d.o.c. alle quali il terreno è particolarmente adatto.
Nella parte nord occidentale dell’intervento un ampio parcheggio sotterraneo sopperisce alle difficoltà di transito veicolare, dovute principalmente alla larghezza media delle sedi stradali dell’intero quartiere, inoltre, nella parte alta del progetto è presente un centro informazioni, facilmente raggiungibile mediante i frequenti sistemi di risalita, i quali sfruttando diverse configurazioni spaziali, permettono il godimento dei punti di forza del centro storico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
LA CITTÀ DIMENTICATA IL QUARTIERE ANGELI E IL TERRITORIO DI CALTANISSETTA 1 CALTANISSETTA E LE SUE ORIGINI Non si può stabilire una data certa sull’origine della città di Caltanissetta; gli scavi archeologici effettuati nei dintorni del centro abitato, tuttavia, testimoniano la presenza dell’uomo fin dall’età del bronzo. Sabucina, 1 infatti, rappresenta uno dei primi insediamenti del territorio in esame. Dalle diverse stratificazioni emerse a Sabucina durante le campagne di scavo, pare evidente che popolazioni locali siano venute a contatto con le civiltá greca e romana, e che ne siano state profondamente influenzate. Tra il V ed il IV secolo a.C. esisteva già un insediamento umano sulla altura di Geb el Habib (dall' arabo monte di Habib), 2 a pochi chilometri a sud dell' attuale centro cittadino. Sempre allo stesso periodo risalgono altri villaggi intorno all' odierna città ed ai piedi del castello di Pietrarossa. I luoghi sopraelevati, e spesso delimitati naturalmente da costoni a strapiombo, venivano scelti, dunque, proprio per la loro facile difesa. La condizione socio-economica del territorio, era caratterizzata da attività legate all’allevamento e all’agricoltura e ciò perdurò sino alla dominazione araba (829 d.C.) e continuò poi sino alla conquista normanna (1086). Oggetto dell’esercizio progettuale, è nel caso specifico il primitivo impianto urbano di Caltanissetta, (dal nome arabo Qal-at-nisa o castello delle donne), che coincide con 1 Posta a controllo del medio corso del Salso, fù frequentata fin dall’età del Bronzo. L’abitato indigeno del VIII- VII sec.a.C. entrò ben presto a contatto con i coloni rodio-cretesi di Gela e fù ellenizzata durante il VI sec.a.C. 2 Centro indigeno ellenizzato posto a Sud della città di Caltanissetta, domina da ovest la valle del Salso. Oltre ai resti di una poderosa cinta muraria, si trova nel luogo una necropoli scavata nella roccia risalente alla seconda metà del IV sec.a.C.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

caltanissetta
mezzogiorno d'italia
degrado urbanistico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi