Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale

La tesi tratta in sostanza di comunicazione. Più precisamente di comunicazione commerciale e diritto costituzionale. Il problema posto è di quelli nodali, e riguarda l’inquadramento costituzionale della pubblicità, ove la sottoposizione della pubblicità alle tutele relative ad uno o ad altro articolo costituzionale produce sul piano pratico notevoli differenze.
La peculiarità del lavoro è data proprio dalla proposizione di una soluzione personale al problema dell'inquadramento giuridico della pubblicità commerciale.
Le nostre Corti, infatti, con procedimenti interpretativi non chiari e comunque insoddisfacenti, inquadrano la pubblicità commerciale all'interno dell’art.41 Cost. (libertà d'impresa). Un'opinione dottrinale avversa tale impostazione contrapponendovi l'inquadramento sotto l'art. 21 Cost. (manifestazione del pensiero). In realtà le due prospettive possono essere sintetizzate attraverso una lettura sistematica di queste due norme in primis (infatti non c'è comunicazione che non sia anche solo in minima parte collegata ad interessi economici- è quello che io chiamo ''fluido economico'') e poi con l'intervento di tutte le norme costituzionali altre che possano entrare in gioco. A costituire quindi un ''sistema''. Tale impostazione supera i contrasti per arrivare a configurare la ''comunicazione'' in senso giuridico (la pubblicità è inquadrabile sotto il genus ''comunicazione'') come una nozione ampia e totalizzante, congeniale ai nostri tempi e necessaria in un mondo virtuale, fatto non, secondo un'impostazione ottocentesca, di ''informazione'' o ''pensiero'' contrapposto ad ''interessi economici'', ma fatto di ''dati'', convettori (non di sole ''informazioni'' o in senso limitante ''pensiero'', appunto ma) persino della rappresentazione virtuale dell'uomo. La nostra carta costituzionale, se letta adeguatamente, può dare le risposte e la giusta tutela alle istanze sociali attraverso la configurazione di un sistema (aperto) che compendi e gradui le tutele erogabili attraverso l'intervento giudiziario statale, all'interno di un quadro di garanzie costituzionali, sapientemente bilanciate al momento dell’applicazione della legge.

Mostra/Nascondi contenuto.
La comunicazione pubblicitaria nella prospettiva costituzionale - 1 - Francesco Loforte - 1 - Premessa Oggetto della tesi è lo studio della materia pubblicitaria dalla prospettiva costituzionale e pubblicistica più in generale. Accanto alla trattazione sui problemi di rovente attualità sulla materia, si farà cenno alle questioni costituzionali che ora hanno, in effetti, minor rilievo, ma che prospetticamente sono passibili di suscitare questioni di aspro dibattito. Ampio spazio è stato conferito alla questione cardine della tesi: l'inquadramento costituzionale del fenomeno pubblicitario. E' stato favorito, nell'ambito della vastità della materia, lo studio delle questioni concernenti la pubblicità commerciale. Essa infatti si pone su un diverso piano, per la relazione di autonomia con l'ordinamento e la sostanziale differenza nelle modalità dei sistemi promozionali, rispetto alla pubblicità istituzionale (intendendosi così quella caratterizzata dall'intervento del soggetto pubblico)ed elettorale, che è in ogni caso concettualmente non incompatibile con la disciplina di diritto comune. E' stata tralasciata altresì la problematica riguardante la tutela del diritto d'autore e dell'originalità dell'idea creativa nello spot pubblicitario, siccome incoerente rispetto all'oggetto della tesi. La tesi risponde in conclusione all'argomento pubblicità da una prospettiva finora tenuta in relativa considerazione, quella pubblicistico - costituzionale appunto. La pubblicità, infatti, coinvolge aspetti della vita associata di rilievo non solo civilistico o commercialistico, ma, e ormai sempre più, di diritto internazionale e comunitario, amministrativo e, per il profilo che ci riguarda più da vicino, costituzionale. Questo lavoro, il modus operandi, la stesura, questa stessa tesi in conclusione, non nasconde l'auspicio che i frutti di tale studio possano servire non solo al sottoscritto, ma alla collettività, universitaria in particolare. F.L.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Loforte Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3084 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.