Skip to content

(Verso il controllo di gestione) Il monitoraggio di bilancio nella piccola e media impresa: una proposta di soluzione

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Enna
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Maria Bergamin Barbato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

La PMI, forza trainante dell’economia italiana degli ultimi cinquant’anni; deve buona parte della propria fortuna alle capacità degli imprenditori, anziché ad una gestione secondo leggi e metodi tipici della grande impresa. Gli studi di Economia Aziendale privilegiando la complessità di queste ultime hanno sviluppato per esse metodologie e strumenti di gestione; la PMI ha problematiche simili ma non gli strumenti o le possibilità economiche per un controllo adeguato e tempestivo della gestione. Con il solo impiego di dati certi, derivanti dalle scritture obbligatorie, e con valutazioni di tipo qualitativo, valorizzate tramite check-list, da compilarsi a cura della PMI o di un auditore esterno, ho ipotizzato un sistema di controllo dell’impresa semplificato ma non per questo impreciso. L’utilizzo di queste analisi potrebbe portare la PMI a un nuovo tipo di struttura aziendale, con gruppi operativi temporanei necessitanti “solo” di coordinamento, svolto a turno da chi ha la migliore competenza. Ai dirigenti resta il compito di coordinare persone, mezzi e conoscenze secondo le direttive della proprietà. Per curare adeguatamente l’azienda l’imprenditore/operaio dovrebbe limitare gli interventi diretti in attività manuali e dedicarsi al trasferimento all’Impresa delle proprie conoscenze. Questo implica l’utilizzo delle proprie capacità nel fornire obiettivi e indirizzi, curare l’innovazione, la ricerca, l’addestramento dei dipendenti e dei propri successori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Il capitalismo familiare italiano è caratterizzato sia dalla grande impresa privata sia dalla piccola impresa, contraddistinta da un azionariato unitario e stabile, con gli azionisti spesso direttamente coinvolti nella gestione. Essa ha i vantaggi dell’agilità, flessibilità e dinamicità, ma con dei limiti riferiti alla capacità di creare valore legati all’elevato costo del capitale e, spesso, alla carenza di managerialità 1 . Viene infatti preferito l’indebitamento per finanziare la crescita piuttosto che l’entrata di nuovi soggetti diversi dalla famiglia. Inoltre è tipica la mancanza di delega da parte dell’imprenditore proprietario; fatto che ostacola il formarsi di capacità direttive. Molto spesso si tratta di imprenditori particolarmente capaci e intraprendenti che, nel volgere di pochi anni, portano l’impresa ad assumere dimensioni rilevanti, senza che però questa venga modificata strutturalmente e organizzativamente in modo adeguato. Viene mantenuta una struttura di controllo di tipo familiare, mentre si avrebbe bisogno di una organizzazione più complessa per gestire le molteplicità tipiche della nuova situazione. La struttura organizzativa si verticalizza di fatto, nascono i livelli dirigenziali intermedi; il potere decisionale dovrebbe essere delegato e si dovrebbero avere centri di spesa indipendenti. I ricavi non sono ancora sufficienti per spingere a investire nella nuova organizzazione ma sono abbastanza elevati da averne bisogno, mentre il controllo di gestione rimane ancora nelle mani e nelle intuizioni dell’imprenditore. Questi preferibilmente partecipa attivamente e con passione a diverse attività aziendali, trascurando necessariamente l’alta direzione e il controllo. A questo punto si renderebbe necessario disporre di un sistema di Controllo di Gestione dettagliato per la corretta direzione delle singole attività aziendali, tramite l’utilizzo della Contabilità Analitica e Industriale, ma i costi relativi a tale implementazione possono essere eccessivi per la piccola e media impresa. Scopo di questa tesi è di fornire uno strumento di gestione e di analisi di bilancio economico e semplificato, ma preciso, in grado di permettere adeguate valutazioni sull’andamento attuale e futuro dell’azienda. Il riferimento è alla Piccola e Media Impresa (PMI) con controllo non separato dalla proprietà. 1 Anna Pistoni, Lucrezia Sondini – Reporting e valore - EGEA

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi