Skip to content

Le trasformazioni culturali e strutturali de ''L'Unità''

Informazioni tesi

  Autore: Luca Zanelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Angleo Varni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

Ho analizzato i cambiamenti dell'Unità dopo la caduta del Muro di Berlino, da un punto di vista culturale e strutturale. Ho suddiviso la mia ricerca in una prima parte di analisi diacronica dal dopoguerra ad oggi, ciò che mi ha permesso di ricostruire alcune caratteristiche intrinseche dell'Unità, e una successiva analisi semiotica dell'Unità estesa a tutto il 1997, sotto la direzione di G. Caldarola. Questo lavoro mi ha portato a poter raccontare e definire una comunicazione che è politica (e di Partito), ricostruendo la storia d'Italia attraverso la voce dell'opposizione parlamentare; ed una comunicazione che è anche giornalistica e rivolta alle masse. L'analisi condotta sull'Unità di Caldarola ha evidenziato l'ultimo tentativo di dar vita ad un progetto giornalistico omogeneo e ben definito, fondato sull'idea di un giornale "scritto", lontano dall'emotività del linguaggio televisivo e dal modello di una informazione spettacolarizzata, sempre più rappresentata e sempre meno raccontata. Purtroppo questo progetto non ha trovato riscontri nel mercato editoriale ed è stato abbandonato, finendo per sancire la via del fallimento dell'Unità, poi avvenuta tre anni dopo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Se, come sostiene Piero Ottone 1 , “la stampa è la spina dorsale di una nazione e lo specchio della sua realtà socioculturale” la chiusura de “L’Unità” può legittimamente essere assunta a paradigma della morte di una realtà, quella del più forte partito comunista occidentale, che è stata vitale nella costruzione della coscienza civile e nazionale italiana. Tutte le recenti vicissitudini che hanno imperversato sulla redazione del quotidiano dalla metà degli anni ottanta fino alla drammatica chiusura dell’estate duemila possono essere prese ad esempio della trasformazione di un’intera politica (quella della sinistra comunista italiana) e della sua classe dirigente. In questo senso, forse, la storia recente de “L’Unità” può diventare exemplum per il partito stesso (DS) e fungere da caposaldo su cui porre le fondamenta di una politica rinnovata nelle forme e nella sostanza. Non può apparire coincidenza naturale che le recenti crisi de “L’Unità” siano coincise con l’arrivo al governo della sinistra ex comunista e, d’opposto segno, che le rinnovate fortune del quotidiano (la riapertura nella primavera del 2001 con il nuovo progetto dell’editore Dalai e la direzione affidata a Furio Colombo) seguano di pari passo la sconfitta elettorale dell’Ulivo e segnatamente la flessione dei DS. Per dirla con le parole di due giornalisti dell’Unità, “cosa accade a un giornale che per decenni ha avuto un “legame di ferro” con un Partito, il PCI, quando questo stesso Partito, di fronte al crollo del Muro, cambia in modo lacerante?” 2 La caduta del Muro di Berlino non ha portato solo l’universo comunista italiano a cambiare radicalmente, ma ha finito per coinvolgere l’intero sistema politico italiano, dando il via in seguito al suo disfacimento, travolgendo antiche e consolidate consuetudini, mutando precise pratiche politiche e innalzandone altre. 1 Ottone, Piero, Il buon giornale, Milano, Longanesi 1987. 2 Leiss, Alberto; Paolozzi, Letizia, Voci dal quotidiano, Milano, Baldini e Castoldi 1994, pag. 9.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi