Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le obbligazioni bancarie: profili normativi e implicazioni gestionali

Il lavoro considera l'utilizzo da parte della banca dello strumento obbligazionario alla luce dei cambiamenti di natura economica e normativa avvenuti nell'ultimo decennio, ponendo particolare attenzione alla struttura finanziaria delle obbligazioni strutturate e alle lacune di carattere informativo presenti nel sistema bancario italiano.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE Il presente lavoro intende esaminare l’evoluzione della raccolta obbligazionaria delle banche con riferimento al comparto italiano. Un’analisi del mercato finanziario dell’ultimo decennio evidenzia ripetuti e profondi mutamenti in relazione alla struttura dei titoli considerati, alla figura degli operatori emittenti e alle forme tecniche di negoziazione. L’attuale contesto economico e finanziario nazionale è il risultato di un adeguamento alle economie più evolute e, in merito al sistema bancario, ha comportato una revisione completa delle politiche di raccolta. I punti cruciali di tale mutamento devono individuarsi in primo luogo, nel quadro normativo di riferimento. Nella prima parte del lavoro si è voluto analizzare il ruolo delle obbligazioni in seguito all’entrata in vigore del Testo Unico, che decreta la definitiva liberalizzazione nell’emissione di obbligazioni da parte delle banche e rende il prestito obbligazionario una effettiva forma di raccolta di risparmio presso il pubblico dei risparmiatori. Si valuta, pertanto, la disciplina della Banca d’Italia nell’ambito della normativa di vigilanza prudenziale e si pone, particolare attenzione, alla normativa sulla trasparenza della sollecitazione all’investimento (d. lgs. m. 58/1998) che esonera le banche dagli obblighi informativi, confermando l’interpretazione secondo la quale la raccolta obbligazionaria rientrerebbe nell’attività tipica della gestione bancaria. Dopo una panoramica sull’evoluzione della normativa in tema di obbligazioni bancarie, si prosegue con un’analisi delle caratteristiche tecniche, con particolare riferimento alle obbligazioni strutturate.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Orfino Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3479 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.