Skip to content

Evoluzione delle reti distributive nel settore auto in Europa: il reg. EU 1400/2002

Informazioni tesi

  Autore: Lucio Tropea
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giovanni Costa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

Le innovazioni introdotte dal regolamento 1400/2002 porteranno ad una evoluzione o ad una rivoluzione nel settore della distribuzione dell'auto ? Quanto delle dinamiche future è endogeno al settore stesso e quanto incidono le norme di recente introduzione? Viaggio nell'ultimo anello della filiera auto, con particolare attenzione al mondo dei ricambi, dell'assistenza, della gestione degli usati in Italia ed in Europa. Dei casi aziendali come PSA e Renault France e Porsche in Italia concludono il lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il settore auto costituisce a tutti gli effetti un caso unico nel panorama dei beni di consumo durevoli per complessità e diffusione del bene trattato e per le ricadute che le decisioni di questa industria hanno nelle economie dei paesi europei. Gli ingenti investimenti e il rilevante impegno di ricerca e sviluppo creano ricadute positive così significative nel paese in cui i costruttori si installano da rendere il settore meritevole di tutela: non a caso alcuni stati europei detengono cospicue partecipazioni in alcuni gruppi automobilistici, mentre troviamo stabilimenti di assemblaggio in tutti i paesi d’Europa 1 . Si tratta insomma di un settore di cruciale importanza dato che rappresenta un traino per lo sviluppo tecnico di industrie siderurgiche, vetrarie, tessili, di equipaggiamenti elettrici e elettronici e meccaniche a monte, fino poi ad arrivare a valle a tutto il complesso di servizi che ruotano intorno all’auto, dalla filiera di distribuzione dei veicoli a quella dei ricambi, dalle reti di distribuzione di carburante alle imprese di costruzioni generali, per poi approdare al mondo delle assicurazioni, e delle imprese di finanziamento: si stima che 12 milioni di posti di lavoro siano collegati a questa industria. Dal punto di vista della produzione, il problema consiste nel progettare, realizzare, trasportare al momento giusto, con un’alta qualità e un prezzo basso le circa 10.000 componenti che costituiscono un veicolo. Il sistema attuale, grazie all’adozione di un sistema produttivo basato sull’utilizzo di moduli intercambiabili, ha realizzato dei forti progressi verso un sistema “pull”, favorito in parte anche dallo sviluppo di sistemi B2B di commercio elettronico. Tuttavia un sistema produttivo totalmente pull non è attualmente una realtà per nessuno dei grandi costruttori mondiali. Il valore del mercato è stimato in circa 210 miliardi di euro, realizzabili consegnando un prodotto il più possibile diversificato a 14-15 milioni di clienti sul suolo europeo, alcuni dei quali residenti in zone a bassa densità di popolazione: un compito assolto da un sistema distributivo che vede oggi impegnati 60.000 dealers in 120.000 outlets 2 . Per avere un’idea delle dimensioni del mondo dell’assistenza, nel 1998 circolavano 170 milioni di veicoli di cui il 75% con più di 5 anni di vita L’acquisto di un veicolo è “un investimento finanziario e affettivo di ordine maggiore, mettendo in gioco valori come quello della sicurezza e dell’ affermazione sociale che passano per la marca” 3 . 1 Fonte: intervento di Mr. Camille Blum, ACEA, nell’audizione organizzata dalla UE nelle fasi preparatorie del regolamento 1400/2002, Bruxelles, Hearing on Distribution, 13-14 febbraio 2001. 2 Andersen, December 2001, Study on the impact of possible future legislative scenarios for motor vehicle distribution on all parties concerned . 3 adatt. da Taylor Nelson Sofres, “Perception de la distribution automobile en Europe”, Bruxelles, 13.02.2002

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

reti distributive
settore automobilistico
renault
mercato automobilistico
porsche
distribuzione automobilistica
regolamento 1400-2002
concessionarie di automobili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi