Skip to content

Evoluzione del settore mobile: Umts e Wi-Fi, tecnologie complementari o competitive?

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Zago
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Andrea Carignani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

In questi ultimi anni il settore della “Mobile Technology” è stato caratterizzato da una crescita esponenziale, tale per cui, il mercato a questa associato, ha visto una rapida evoluzione delle tecnologie mobili ed un conseguente aumento della diffusione dei dispositivi cellulari.
Il primo capitolo del presente lavoro descrive lo sviluppo di questo settore ponendo l’attenzione sugli standard che hanno caratterizzato la piattaforma tecnologica dai primi anni ottanta ad oggi.
Il primo protocollo trasmissivo analizzato è il TACS. Tale standard è stato descritto considerando le caratteristiche tecniche che lo identificano ed evidenziando i limiti, a causa dei quali è sorta l’esigenza di cercare tecnologie avanzate e più efficienti.
Si è proseguito, quindi, con la descrizione del GSM, sviluppato alla fine degli anni ottanta. In tale contesto sono stati introdotti per la prima volta, tra gli altri, i concetti di “trasferimento e ricezione dati” e “SIM Card”, la cui presenza, caratterizza anche altre tecnologie posteriori al GSM. Sempre in tale ambito, si è accennato all’evoluzione dello standard in questione rappresentata dal DCS (Digital Cellular System) 1800.
Se l’introduzione di tale nuovo protocollo ha come scopo principale quello di estendere la capacità della rete GSM, altri due progetti,l'HSCSD e il GPRS, si prefiggono, invece, quello di aumentarne le prestazioni in termini di velocità di connessione. Sebbene, però, il primo non verrà probabilmente implementato nel nostro Paese a causa dello scarso numero di utenti servibili, il secondo, viene già definito di “2,5 Generazione”. L’analisi del GPRS ha messo in luce i suoi aspetti tecnologici più importanti.
L’ultimo “step” considerato riguarda, infine, il protocollo EDGE.
Procedendo con la stesura del secondo capitolo si passa ad introdurre l’argomento centrale di questa tesi: le tecnologie UMTS e WI-FI.
Infine, dopo aver tracciato l’iter di sviluppo tecnologico che il comparto sta subendo, ci si è prefissati, nell’ultima parte di questo lavoro, l’obiettivo di determinare lo scenario futuro e indicare in quale misura questi due nuovi standard riusciranno ad affermarsi nel mercato.
Nel terzo capitolo, si passa, dunque, ad un approfondito confronto tra UMTS e WI-FI che vede rivalutate le caratteristiche tecniche delle due tecnologie al fine di stabilire se queste possano definirsi o meno perfette sostitute.
L’interrogativo cui in conclusione si è cercato di dare una risposta è: UMTS e WI-FI, operano in competizione o vi può essere complementarietà fra i due?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE In questi ultimi anni il settore della “Mobile Technology” è stato caratterizzato da una crescita esponenziale, tale per cui, il mercato a questa associato, ha visto una rapida evoluzione delle tecnologie mobili ed un conseguente aumento della diffusione dei dispositivi cellulari. Il primo capitolo del presente lavoro descrive lo sviluppo di questo settore ponendo l’attenzione sugli standard che hanno caratterizzato la piattaforma tecnologica dai primi anni ottanta ad oggi. Il primo protocollo trasmissivo analizzato è il TACS (Total Access Communication System). Questo viene inserito all’interno delle tecnologie cosiddette di Prima Generazione, intendendo con ciò quell’insieme di standard a trasmissione analogica, solitamente non interoperanti, che sono limitati ad operare in ambito nazionale in quanto non standardizzati da Enti ufficiali. Tale standard è stato descritto considerando le caratteristiche tecniche che lo identificano ed evidenziando i limiti, quali ad esempio la facile intercettazione delle chiamate e la possibilità di clonazione dei terminali mobili, a causa dei quali è sorta l’esigenza di cercare tecnologie avanzate e più efficienti. Si è proseguito, quindi, con la descrizione del GSM (Global System for Mobile Communication), standard di Seconda Generazione, sviluppato alla fine degli anni ottanta dal Groupe Spécial Mobile della Confèrence Européenne des Postes et des Télécommunications (CEPT). Questo si differenzia dalle precedenti generazioni analogiche, in quanto consente una trasmissione digitale delle comunicazioni e perché in grado di offrire, oltre al roaming internazionale, anche una larga serie di servizi da affiancare a quello vocale. In tale contesto sono stati introdotti per la prima volta i concetti di “timeslot”, “trasferimento e ricezione dati” e “SIM Card”, la cui presenza, sebbene con caratteristiche diverse, caratterizza anche altre tecnologie posteriori al GSM. Sempre in tale ambito, si è accennato all’evoluzione dello standard in questione rappresentata dal DCS (Digital Cellular System) 1800. Se l’introduzione di tale nuovo protocollo ha come scopo principale quello di estendere la capacità della rete GSM, altri due progetti, l’High Speed Circuit Switched Data (HSCSD) e il General Packet Radio Services (GPRS), si prefiggono, invece, quello di aumentarne le prestazioni in termini di velocità di connessione. Sebbene, però, il primo non verrà probabilmente implementato nel nostro Paese a causa dello scarso numero di utenti servibili, il secondo, viene già definito di “2,5 Generazione”, in quanto considerato intermedio tra il GSM e gli standard 3G. L’analisi del GPRS ha messo in luce i suoi aspetti tecnologici più importanti, tra i quali: l’elevata velocità 1 , il maggior numero di timeslot utilizzabili e la commutazione a pacchetto, caratteristiche, queste, considerate sia nei loro aspetti tecnici, sia in relazione ai nuovi servizi offerti. Il GPRS consente, infatti, nuove 1 Essendo questa pari a 171,2 Kbps, risulta di ben quindici volte superiore a quella del GSM.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gprs
hot spot
mobile technology
telefonia mobile
umts
wi-fi
reti radiomobili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi