Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Immigrazione e lavoro. Il ruolo degli imprenditori nei processi di inserimento lavorativo e integrazione sociale degli immigrati

L’arrivo degli immigrati è ormai considerato un processo strutturale, in cui l’iniziativa delle persone che emigrano in cerca di una vita migliore incontra alcune delle domande del nostro sistema economico. Il volume complessivo del lavoro immigrato nel sistema produttivo italiano continua a crescere, e l’ulteriore bisogno di manodopera è dimostrato dalla richiesta di un consistente aumento delle quote di lavoratori immigrati da parte degli imprenditori.
Questa tesi pone un’attenzione specifica all’inserimento lavorativo degli stranieri e ai problemi legati alla condizione di segregazione professionale, che è diventata una caratteristica peculiare della loro integrazione.
L’obiettivo della tesi è stato quello di affrontare alcuni temi legati all’inserimento lavorativo degli immigrati, ponendo particolare attenzione al punto di vista delle imprese e degli imprenditori, protagonisti di importanza centrale per il ruolo che hanno nel concorrere all’arrivo dei flussi di migranti. Saranno le scelte future di questi soggetti, in merito allo stile di impresa e di lavoro da mantenere e al ruolo da riservare alla manodopera immigrata, che influenzeranno oltre che il modello di sviluppo economico anche gli assetti sociali della nostra comunità.
Ho indagato i comportamenti e orientamenti degli imprenditori, in particolare del Nord-Est, e soprattutto le strategie attraverso le quali affrontano i forti cambiamenti che negli anni sono intervenuti nella composizione e nelle caratteristiche della manodopera disponibile a lavorare nelle loro aziende. Ho cercato di approfondire in particolare la conoscenza delle iniziative che gli imprenditori sono disposti a mettere in campo per favorire l’inserimento lavorativo degli immigrati, e anche di rilevare il loro grado di consapevolezza riguardo ai fenomeni di esclusione, marginalità, segregazione professionale, etnicizzazione del mercato del lavoro.
Per conoscere in maniera diretta la realtà dell’imprenditoria friulana alle prese con l’inserimento di lavoratori immigrati ho scelto, in questa tesi, di realizzare una ricerca empirica, articolata in due fasi.
Innanzitutto ho avuto la possibilità di prendere parte ad una indagine conoscitiva sugli immigrati e sulle imprese della Zona Industriale Ponterosso di San Vito al Tagliamento (PN), realizzata nella seconda metà del 2002 dalla cooperativa sociale “Lilliput”, in collaborazione con il Consorzio per la Zona di Sviluppo Industriale Ponterosso. Ho contribuito direttamente a questa ricerca, partecipando alla raccolta dei dati (attraverso dei questionari rivolti alle imprese e agli immigrati) e all’analisi dei risultati. Il lavoro realizzato dai promotori della ricerca è particolarmente significativo anche per le sue implicazioni concrete: si pone come obiettivo la conoscenza delle esigenze di formazione professionale degli immigrati in vista della realizzazione in breve tempo di un Centro di Accoglienza al Lavoro, ovvero di un ambiente lavorativo e formativo particolare, che consenta una crescita qualitativa della preparazione degli immigrati, per un loro migliore inserimento nel mondo del lavoro.
Nella seconda fase ho realizzato personalmente delle interviste in profondità ad alcuni imprenditori della ZIPR, per conoscere meglio il loro punto di vista e per valutare soprattutto la loro disponibilità generale, e l’esistenza di alcune condizioni indispensabili, per progettare iniziative che contribuiscano, in qualche modo, alla riqualificazione professionale degli immigrati.
Il presente lavoro si articola nel seguente modo:
a. un’analisi iniziale di alcune caratteristiche generali del fenomeno migratorio in Italia.
b. un approfondimento di alcune tematiche importanti che riguardano l’inserimento lavorativo: le reti etniche e i processi di etnicizzazione del mercato del lavoro; la questione della formazione professionale.
c. una breve digressione sulla situazione degli immigrati in Friuli Venezia Giulia.
d. l’analisi del ruolo degli imprenditori: il punto di vista degli imprenditori riguardo alla risorsa immigrati e le prospettive per un ruolo di primo piano di questa categoria sociale nei processi di integrazione sociale degli stranieri oltre che in quelli di inserimento lavorativo; la presentazione dell’indagine Lilliput “Produrre integrazione” sul confronto tra i fabbisogni degli immigrati e delle imprese della Zona Industriale Ponterosso di San Vito al Tagliamento; la presentazione dei risultati della ricerca da me realizzata sul punto di vista degli imprenditori della ZIPR, attraverso delle interviste qualitative ad alcuni imprenditori della zona che hanno alle proprie dipendenze personale immigrato.

Mostra/Nascondi contenuto.
"    &          4      "   4    =                "   >    * >            "       =           "            & "   ?"  "         >      4      >         ""      > & "        "  "      "   " " "           " "  >  " #  " >             "        "  "        &        "     *   >  >          "   " &    "? "       "          " "     4  "   "-  ?                        >        "    "    "     5?   "       >"   "  >"    " >       >  "      @   >  &      " &   >   &      &        "               "   "          >   ? "          "           "           "  &              >  "         " &" >           "     >  & ">  &                      >  &  "    >    "     "   *  "     4       "       9  "         > "4 > "      &  "       !5            "            "  >  "    "    >

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Castellarin Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 21140 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.