Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Contagio e interdipendenza nei mercati finanziari: aspetti metodologici ed evidenza empirica

Questa tesi approfondisce uno studio empirico sul contagio tra mercati finanziari seguente gli attacchi terroristici del settembre 2001. Utilizzo di software econometrici.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 5 INTRODUZIONE Gli anni ’90 sono stati caratterizzati da una serie di gravi crisi finanziarie e valutarie: la crisi dello SME del 1992, il crollo del Peso messicano nel 1994, la crisi asiatica del 1997, quella russa del 1998, la svalutazione brasiliana del 1999 e il crollo del NASDAQ nel 2000. Una sorprendente caratteristica di queste crisi, iniziate come eventi specifici di un’economia, è che si siano rapidamente diffuse in mercati di differenti paesi e regioni nel mondo. Ciò ha attratto l’attenzione di molti studiosi, i quali si sono riferiti a questa particolarità utilizzando il concetto di “contagio”. Sebbene ci sia tra gli economisti un vasto accordo su quali eventi abbiano costituito esempio di contagio, paradossalmente non c’è accordo su cosa il termine contagio significhi. In questo lavoro si utilizza una definizione rigorosa che definisce contagio un significativo aumento nelle relazioni tra mercati, dopo che uno shock ha colpito un paese o un gruppo di paesi. Secondo questa definizione, due paesi caratterizzati da un alto grado di co-movimento durante periodi di stabilità che continuino a essere altamente correlati dopo che uno shock colpisce uno dei paesi non costituiscono esempio di contagio. Se la correlazione non aumenta significativamente, allora ogni prolungato elevato livello di co-movimento suggerisce forti legami tra due economie che esistono in tutti gli stati del mondo. Questo lavoro usa il termine “interdipendenza” per riferirsi a questa situazione. E’ importante sottolineare che questa definizione di contagio non è universalmente accettata. Una possibile alternativa lo considera come la propagazione di uno shock in eccesso rispetto a quello che può essere spiegato dai fondamentali (Masson 1997). Le difficoltà pratiche nell’usare questa definizione sono evidenti: come si possono misurare questi fondamentali, specialmente nel breve periodo? E soprattutto, quali tipi di

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Negri Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1451 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.