Skip to content

Atleti di Cristo. Tra sacro e profano, un movimento salvifico espresso dalla religiosità brasiliana

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Lombardi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Lettere
  Relatore: Gilberto Mazzoleni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 159

Il presente lavoro ha come obbiettivo l’analisi di una peculiare espressione del caleidoscopico scenario religioso del Brasile contemporaneo: quella degli ‘Atleti di Cristo’, sportivi con la vocazione e la missione di diffondere il messaggio universale del Cristo, e che costituiscono un movimento salvifico del tutto particolare nel panorama attuale.
Il principio del metaforico viaggio che siamo in procinto di fare ha come spunto di base l’incontro tra due poli opposti e complementari, il sacro (o ‘religioso’) e il profano (o ‘civile’), dicotomia costantemente presente nella cultura occidentale, grazie alla quale essa rappresenta e suddivide la realtà.
Uno sport, in questo caso il calcio, assume qui il ruolo del ‘profano’, incontrando il ‘sacro’ nel fervente cristianesimo degli Atleti, un movimento costituito soprattutto da calciatori, ma anche da professionisti di altre discipline sportive, in Sudamerica e altrove nel mondo.
In questo caso, però, sembra venir meno la dialettica sacro/profano delineata dal Sabbatucci: “[…] è la religione a determinare ciò che è ‘sacro’ distinguendolo da ciò che non lo è, appunto, il ‘profano’ […]” . Ma di quale religione si sta parlando? Ed è possibile, oltre che lecito, applicare la nostra concezione di ‘religione’ a una realtà comunque differente, in quanto ‘altra’?
Sabbatucci ricorda che la distinzione nacque con l’affermarsi del cristianesimo nella Roma classica, e che fu il cristianesimo stesso a utilizzare il termine ‘religio’ per definire sè stesso, termine che tra l’altro non significava ‘religione’ nel senso attuale, ma culto esclusivo (il Dio unico dei cristiani).
Sempre Sabbatucci afferma: “In pratica ogni ricerca storico-religiosa ha rimesso in discussione la categoria del ‘religioso’. In tutta la letteratura storico-religiosa, dagli inizi ad oggi, è stata materia del contendere: ciò che era già o non ancora religione […] ”.
Anche questa ricerca presenta questa possibilità, e gli elementi per mettere in discussione le attuali categorie storico-religiose non mancano.
Il contesto osservato è il seguente: il culto ‘religioso’ più diffuso in Brasile, quello cristiano, si inserisce nel culto ‘profano’ più praticato, quello del calcio, la cui importanza all’interno della cultura brasiliana lo fa assurgere a vocazione diffusa e ritualità di massa (i brasiliani stessi riconoscono la loro patria come ‘o Paìs do futebol’, ‘il Paese del pallone’).
In questo senso, l’attento studio degli evangelici dello sport evidenzia lo svilupparsi di un nuovo, originale modello sincretico, nato non già da credenze religiose di diverse culture, come ad esempio è avvenuto in un’altra realtà religiosa brasiliana, l’umbanda, bensì dall’incontro di un elemento che appartiene propriamente alla categoria del ‘sacro’, il culto cristiano, e di un altro di carattere ‘profano’, il calcio, entrambi portati in Brasile dall’Europa, seppure con tempi e dinamiche del tutto differenti.
Lo sport, strumento di benessere fisico, socializzazione e svago, assume carattere di sacralità nel cristianesimo evangelico degli AdC: ed ecco che le grandi performance fisiche vanno di pari passo con le alte vette raggiunte a livello spirituale, tanto che per il vero Atleta di Cristo non vi è più reale differenza tra le due cose, poiché le considera l’una lo specchio dell’altra.
A tal proposito è importante sottolineare che al giorno d’oggi gli sport in generale, pur avendo perso le antiche connotazioni sacre, “sono religiosi nel senso che sono istituzioni, discipline e liturgie organizzate: e ancora nel senso che insegnano le qualità religiose del cuore e dell’anima”, secondo la felice espressione di Michael Novak, autore che ha dedicato un libro al fenomeno sportivo negli Stati Uniti, arrivando a considerarlo come una religione a tutti gli effetti.
Manuel Vàzquez Montalbàn ha a sua volta dedicato un saggio al gioco del calcio, definendolo “una religione laica […], uno sport che ci consente un’esperienza religiosa indispensabile al nostro ecosistema emozionale […]”. Nella fattispecie, il calcio è un veicolo di comunicazione planetaria di grande influenza sulle masse, un ‘mito’ contemporaneo con le sue simbologie e celebrazioni in cui l’immaginario popolare elegge i propri dei, eroi e demoni.
Da qui all’analogia con una religione vera e propria quale il cristianesimo, il passo è breve.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il presente lavoro ha come obbiettivo l�analisi di una peculiare espressione del caleidoscopico scenario religioso del Brasile contemporaneo: quella degli �Atleti di Cristo�, sportivi con la vocazione e la missione di diffondere il messaggio universale del Cristo, e che costituiscono un movimento salvifico del tutto particolare nel panorama attuale. Il principio del metaforico viaggio che siamo in procinto di fare ha come spunto di base l�incontro tra due poli opposti e complementari, il sacro (o �religioso�) e il profano (o �civile�), dicotomia costantemente presente nella cultura occidentale, grazie alla quale essa rappresenta e suddivide la realt�. Uno sport, in questo caso il calcio, assume qui il ruolo del �profano�, incontrando il �sacro� nel fervente cristianesimo degli Atleti, un movimento costituito soprattutto da calciatori, ma anche da professionisti di altre discipline sportive, in Sudamerica e altrove nel mondo. In questo caso, per�, sembra venir meno la dialettica sacro/profano delineata dal Sabbatucci: �[�] � la religione a determinare ci� che � �sacro� distinguendolo da ci� che non lo �, appunto, il �profano� [�]� 1 . Ma di quale religione si sta parlando? Ed � possibile, oltre che lecito, applicare la nostra concezione di �religione� a una realt� comunque differente, in quanto �altra�? Sabbatucci ricorda che la distinzione nacque con l�affermarsi del cristianesimo nella Roma classica, e che fu il cristianesimo stesso a utilizzare il termine �religio� per 1 Sabbatucci, D. � �Sommario di storia delle religioni’, pagg. 19-21.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

atleti di cristo
calcio
religione
sport
brasile
storia delle religioni
movimenti religiosi
chiesa evangelica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi