Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'integrazione dei cittadini dei paesi terzi in Europa

Il Trattato di Amsterdam del 1997 per la prima volta ha fornito la base giuridica per la creazione di una nuova politica comune nel settore dell’immigrazione. Nulla è stato invece previsto in modo specifico in tema di politiche a favore dell’integrazione degli stranieri nella società di accoglienza, anche se alcune indicazioni possono essere dedotte dall’attuale ordinamento comunitario. Attualmente la Comunità condivide con gli stati membri una competenza di tipo concorrente in materia di gestione e di controllo dell’immigrazione sia legale che irregolare, nel rispetto dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità.
L’attuazione di una simile politica ha richiesto un lungo periodo di gestazione, soprattutto a causa delle resistenze di alcuni Stati membri a cedere parte della loro sovranità in questo delicato settore della politica interna a favore della Comunità. Il Trattato di Roma del 1957 non conteneva specifiche disposizioni relative alla gestione dei flussi migratori verso il nostro continente, ed in generale disciplinava la politica sociale in modo molto generico. I padri fondatori delle Comunità europee erano infatti convinti che il miglioramento delle condizioni sociali sarebbe stato una logica conseguenza dell’integrazione economica europea. Nel tempo si è venuta affermando una pur limitata competenza delle istituzioni comunitarie in materia migratoria, la quale però è stata ricondotta, con l’assenso della giurisprudenza della Corte di giustizia, nell’ambito della politica sociale (ex art. 117 e ss. del Trattato CEE) . In particolare l’intervento del legislatore europeo in questo settore è stato favorito dalla progressiva instaurazione in Europa del mercato interno, che l’art. 14 del Trattato CE (ex art.7A) definisce come uno “spazio senza frontiere interne nel quale è assicurata la libera circolazione delle merci, delle persone, dei servizi e dei capitali”. L’interpretazione che è stata data a questo concetto ha infatti consentito che il fenomeno migratorio iniziasse ad essere trattato a livello comunitario come un tema complementare rispetto a quello della piena realizzazione della libera circolazione delle persone all’interno dell’Unione. Infatti, in vista del raggiungimento di questo obiettivo previsto per il 1993, l’ordinamento comunitario ha cercato di ampliare la sfera soggettiva di applicazione di questa libertà, giungendo a comprendere qualunque cittadino comunitario a prescindere dall’esercizio di un’attività lavorativa. Alla luce di questa situazione è emersa la necessità di stabilire una chiara distinzione tra cittadini comunitari ed i soggetti non comunitari come possibili beneficiari del diritto alla libera circolazione, disponendo una serie di politiche ad hoc per questi ultimi. Inoltre, nell’ottica dell’instaurazione di un vero mercato interno, la piena realizzazione della libera circolazione per i cittadini comunitari presupponeva necessariamente il riconoscimento di un’analoga libertà a favore dei cittadini non comunitari legalmente presenti sul territorio europeo. Ma un simile obiettivo ha allarmato i governi nazionali, i quali hanno temuto che un’eventuale soppressione dei controlli interni alla Comunità, nel rispetto dell’art.14 TCE, potesse essere la causa di una pericolosa diminuzione della sicurezza all’interno del territorio dell’Unione. Dunque la piena realizzazione della libertà di circolazione delle persone ha richiesto l’elaborazione di una strategia concordata tra gli Stati membri e le istituzioni comunitarie, al fine di adottare una serie di misure di accompagnamento in tema di lotta alla criminalità, di controllo delle frontiere esterne e di politiche relative all’ingresso e al soggiorno degli stranieri in Europa.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L�obiettivo di questo lavoro � descrivere l�evoluzione della politica comunitaria in tema di valorizzazione ed integrazione dei cittadini dei Paesi terzi che risiedono legalmente nel territorio dell�Unione europea. Il tema si inserisce in quello pi� ampio relativo alla graduale realizzazione di una politica comune in materia di immigrazione. Data la necessit� di circoscrivere il campo delle ricerche, l�analisi � stata concentrata sul fenomeno migratorio in senso stretto, non trattando una serie di temi tradizionalmente ad esso collegati, come ad esempio il diritto di asilo. In una recente Comunicazione della Commissione l�integrazione � stata definita come: �un processo biunivoco, che si fonda sulla presenza di reciproci diritti e, conseguentemente, obblighi per i cittadini di paesi terzi che soggiornano legalmente e per la societ� ospitante che offre una piena partecipazione al migrante� 1 . Secondo la Commissione da questo concetto consegue l�idea che spetti alla societ� ospitante la responsabilit� di garantire la presenza di diritti formali a favore dei migranti, per permettere loro di partecipare attivamente alla vita economica e sociale al pari dei cittadini nazionali. Dall�altra parte per� � necessario che l�immigrato rispetti le norme ed i valori fondamentali della societ� ospitante, partecipando attivamente al processo di integrazione, senza essere costretto a rinunciare alla propria identit�. Osservando le principali misure adottate a livello comunitario dopo il 1999, che sono state elencate in appendice, emerge un dato interessante. Le istituzioni europee fino ad ora non hanno adottato alcun atto normativo in tema di integrazione degli stranieri, nonostante la Commissione abbia presentato una serie di comunicazioni e di proposte di direttiva in tema di valorizzazione dell�immigrazione legale. 1 COM (2003) 336 del 3/6/2003.

Tesi di Master

Autore: Paolo Guelfi Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3474 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.