Skip to content

Il principio responsabilità di Hans Jonas. Il confronto di H. J. con la scienza contemporanea

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Cuomo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Eugenio Mazzarella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

Ogni etica del passato scaturiva da una concezione ben delineata della natura delle cose e dell'uomo. Queste erano date una volta per tutte, non potevano essere mutate. Il ragionamento e il buon senso stabilivano le norme e le regole da rispettare per un agire morale in vista del fine ultimo del bene umano. Soprattutto l'ambito dell'azione e dunque della responsabilità erano strettamente circoscritti. Oggi l'agire dell'uomo è cambiato e il grado di questa trasformazione è percepibile dagli effetti devastanti che si ripercuotono non solo sull'uomo, ma sull'intera biosfera. Se è vero che all'inizio del secolo nè il numero degli esseri umani, nè la tecnologia a disposizione potevano modificare radicalmente i sistemi del pianeta e costituire una minaccia seria per la vita, oggi la realtà è ben diversa dal momento che gli uomini hanno messo a punto diversi modi per mettere in pericolo la propria sopravvivenza. Da un lato abbiamo il rischio legato all'energia atomica, dall'altro l'aumento demografico che, continuando al ritmo attuale, non potrà mantenersi per molto tempo. Oltre al sovraffollamento, bisogna considerare l'esaurimento delle materie prime, il danno all'atmosfera a causa dell'eccesso di emissione di gas nocivi, il degrado del suolo, delle acque e degli ecosistemi vegetali e animali. In pericolo è la vita stessa, non esclusivamente la vita umana, bensì l'incolumità del pianeta, dell'ambiente che ci accoglie ossia del presupposto, della condizione necessaria affinché sia garantita la vita nella sua continuazione futura.
Oggetto della seguente tesi è l'analisi del principio responsabilità di Hans Jonas. Il principio, secondo l'autore, costituisce l'unica possibile alternativa all'utopia del principio speranza di Ernst Bloch, nel dibattito morale contemporaneo. Ma, in questa sede, non si prenderà ad oggetto il confronto tra i due principi, a cui occorrerebbe dedicare uno studio a parte. L'analisi dei testi più importanti, scritti da Jonas nell'ultima fase del suo pensiero, metterà in evidenza come l'elaborazione del principio è stata frutto di molte riflessioni, per cui, la sua natura, la sua fondazione, e la sua definizione, sfuggono alla logica degli interventi occasionali ed estemporanei che si succedono, oggi, nel corso del dibattito. Il principio responsabilità si pone, nel momento attuale, come il tentativo serio e concreto di rispondere al bisogno di un'etica per la civiltà tecnologica. Il bisogno di questa etica nasce dalle contraddizioni che sorgono dal nostro rapporto con la tecnologia, dalla fiducia che l'uomo ripone in questa, e dall'idea di progresso che costituisce il motore immobile dell'avanzamento scientifico - tecnologico. Ma, soprattutto, il vero pericolo che minaccia il futuro dell'uomo proviene dal sapere scientifico, o meglio dallo scetticismo a cui essa conduce. Il vero tallone d'Achille dell'uomo contemporaneo è senza dubbio il suo credo incrollabile nella scienza, la fede indiscussa nel metodo e nell'indagine razionale. Alla fiducia nelle possibilità della scienza che portano ad applicazioni sempre più meravigliose e utili, Jonas contrappone il ritorno alla frugalità nell'economia della terra, e ancora di più il rispetto per la natura, in cui Jonas riconosce la presenza degli scopi. Che dalla natura provenga il ''dover essere'' dell'uomo è l'idea principale della fondazione del principio responsabilità, e a suffragio di questa idea Jonas porta numerosissime e originali idee. Da questo nucleo principale si sviluppa l'etica della responsabilità che ha l'obiettivo di ristabilire il giusto rapporto tra l'uomo e sè stesso, tra l'uomo e la natura, rapporto che il punto di vista della scienza ha interpretato in maniera univoca. Soprattutto nella discussione sulla bioetica l'uomo è chiamato a fare delle scelte importanti, da cui dipenderà il suo futuro, e il principio responsabilità, qui, vale soprattutto come appello per gli scienziati, affinché tengano presente nel loro lavoro anche la dignità degli uomini che verranno. È nella concezione scientifica della natura che si vuole individuare una delle ragioni più importanti dello squilibrio della nostra epoca, e di seguito si cercherà nella posizione, nel pensiero di Jonas, un antagonista valido che possa riportare l'equilibrio nel rapporto dell'uomo con sè stesso e con la natura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Il principio Responsabilità di Hans Jonas. Il confronto di H.J. con la scienza contemporanea. pag. 1 Introduzione Ogni etica del passato scaturiva da una concezione ben delineata della natura delle cose e dell'uomo. Queste erano date una volta per tutte, non potevano essere mutate. Il ragionamento e il buon senso stabilivano le norme e le regole da rispettare per un agire morale in vista del fine ultimo del bene umano. Soprattutto l'ambito dell'azione e dunque della responsabilità erano strettamente circoscritti. Oggi l'agire dell'uomo è cambiato e il grado di questa trasformazione è percepibile dagli effetti devastanti che si ripercuotono non solo sull'uomo, ma sull'intera biosfera. Se è vero che all'inizio del secolo né il numero degli esseri umani, né la tecnologia a disposizione potevano modificare radicalmente i sistemi del pianeta e costituire una minaccia seria per la vita, alla fine del secolo è vero piuttosto che gli uomini hanno messo a punto diversi modi per mettere in pericolo la propria sopravvivenza. Da un lato abbiamo il rischio legato all'energia atomica, dall'altro l'aumento demografico che, continuando al ritmo attuale, non potrà mantenersi per molto tempo. Oltre al sovraffollamento, bisogna considerare l'esaurimento delle materie prime, il danno all'atmosfera a causa dell'eccesso di emissione di gas nocivi, il degrado del suolo, delle acque e degli ecosistemi vegetali e animali. In pericolo è la vita stessa, non esclusivamente la vita umana, bensì l'incolumità del pianeta, dell'ambiente

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi