Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela della concorrenza negli Stati Uniti: il caso Microsoft

L’ultimo decennio è stato contraddistinto da un vivace quanto tumultuoso sviluppo economico, di cui i settori dell’informatica e delle telecomunicazioni sono stati nello stesso tempo il principio ispiratore ed il traino. In questo contesto la parte preminente è stata svolta dalla Microsoft, società di informatica, autentico miracolo e prodigio dell’economia moderna, che ha visto crescere la propria visibilità internazionale in termini di fatturato e profitti in misura proporzionale alle accuse di comportamenti abusivi e lesivi della concorrenza. Il caso Microsoft nasce come conseguenza dell’interazione tra le due aree motrici del mercato di questi ultimi anni, informatica e telecomunicazione, di cui Internet palesemente rappresenta il trait d’union. Ed è proprio su Internet e sul controllo di questo importante snodo di contatto che si sta consumando, tra accuse degli operatori rivali della Microsoft e declaratorie di innocenza della medesima società, la guerra per l’acquisizione della posizione di egemonia nel settore.

Mostra/Nascondi contenuto.
“INTRODUZIONE” L’ultimo decennio è stato contraddistinto da un vivace quanto tumultuoso sviluppo economico, di cui i settori dell’informatica e delle telecomunicazioni sono stati nello stesso tempo il principio ispiratore ed il traino. In questo contesto la parte preminente è stata svolta dalla Microsoft, società di informatica, autentico miracolo e prodigio dell’economia moderna, che ha visto crescere la propria visibilità internazionale in termini di fatturato e profitti in misura proporzionale alle accuse di comportamenti abusivi e lesivi della concorrenza. Il caso Microsoft nasce come conseguenza dell’interazione tra le due aree motrici del mercato di questi ultimi anni, informatica e telecomunicazione, di cui Internet palesemente rappresenta il trait d’union. Ed è proprio su Internet e sul controllo di questo importante snodo di contatto che si sta consumando, tra accuse degli operatori rivali della Microsoft e declaratorie di innocenza della medesima società, la guerra per l’acquisizione della posizione di egemonia nel settore. La costante attenzione dei mass-media, che ha fatto da cornice alla vicenda, ha poi finito col trasformare la cronaca giudiziaria di quello che da più parti è stato definito in termini giornalistici “il processo del secolo”, in una maniacale e serrata successione di proclami e pronostici di vittorie e sconfitte, inducendo da ultimo ad accostare alla più diretta associazione Bill Gates-Microsoft quella più suggestiva ed altrettanto immediata Microsoft-Internet. La scaturigine di quest’ultimo binomio, seppur con una lettura semplicistica dei fatti legati alla vicenda legale, va ricercata, evidentemente, nell’oggetto della contesa processuale ovvero il browser.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mauro Bacca Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3498 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.