Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ricerca qualitativa e software per l'analisi dei dati testuali

Oltre a considerazioni e citazioni teoriche sul contesto, è disponibile una dettagliata descrizione comparativa e assoluta del software, esaminato e verificato praticamente; questo permette di agire sui corpi testuali (e multimediali), più efficacemente su archivi consistenti, consentendo gestione, analisi, codifica, categorizzazione, gerarchizzazione, indicizzazione, interrelazioni, ricerca sofisticata e costruzione di teoria. Utile per diverse applicazioni (solo a titolo di es.:ricerche qualitative sociali e di marketing, rassegne stampa, archivi giornalistici, archivi pubblicitari, archivi testuali in generale, ecc..).

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE I programmi informatici progettati per la gestione, l’analisi, il trattamento e l’elaborazione delle basi di dati di tipo qualitativo, ovvero delle fonti testuali non interamente pre-codificate, denominati anche software qualitativo o strumenti per la ricerca computer-assistita, si possono identificare come databases finalizzati alla gestione delle ricerche di mercato qualitative, dei sondaggi d’opinione, delle inchieste giornalistiche, delle ricerche sociologiche, degli archivi testuali multidisciplinari, per citare solo alcune delle applicazioni maggiormente utilizzabili. L’area di impiego in cui rientrano i suddetti strumenti informatici è quindi l’ambito della ricerca qualitativa di tipo sociale, ambito di conoscenza oggetto di considerazione e di sviluppo sempre più marcato; è utile, quindi, in via preliminare, indicare una definizione dei contorni e dei contenuti di questa area di ricerca per cogliere gli aspetti differenzianti rispetto al polo classico, opposto, della ricerca quantitativa e al contesto generale delle altre procedure di ricerca. A questo scopo è opportuno citare Luca Ricolfi nella sua opera ‘La ricerca qualitativa’ (N.I.S., ‘97), che verrà ripresa di frequente, il quale ha al meglio analizzato ed organizzato la basi teoriche di questo settore. Riguardo la tassonomia del termine e i requisiti della ricerca quantitativa:

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Antonino Scardilli Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4516 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.