Skip to content

La presenza del crocifisso nei luoghi pubblici

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Giovannini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Vittorio Parlato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 267

Nel lavoro che ho svolto ho affrontato una questione piuttosto dibattuta non solo nel diritto ecclesiastico ma a livello più generale: si tratta della questione relativa alla presenza dei simboli religiosi e in particolare del crocifisso nei luoghi pubblici. Ho ritenuto opportuno evidenziare dapprima l’assetto attuale dei rapporti fra Stato e Chiesa cattolica, mettendo in evidenza come esso sia il punto di arrivo di una evoluzione piuttosto lunga, iniziata nel periodo preunitario e proseguita fino ai giorni nostri. Non è superfluo ripercorrere le tappe di tale evoluzione, considerato come spesso la storia dei rapporti tra lo Stato e la Chiesa sia riflesso fedele della società italiana, dei suoi cambiamenti e della maturazione culturale e civile delle istituzioni e dei cittadini. Nel tracciare l’evoluzione dei principi di laicità, di libertà di religione e di coscienza, tutte chiamate in causa dalla questione del crocifisso, ho voluto riportare anche le opinioni espresse da esponenti di culti diversi da quello cattolico e anche di laici ed atei, per mostrare come spesso un simbolo è percepito in modo nettamente differente, pur quando si tratta di un simbolo apparentemente universale come quello del crocifisso. Riportare brevemente la storia di tale simbolo mi ha permesso di evidenziare come le sollecitazioni e le suggestioni da esso esercitate sono davvero tante e composite, un tratto probabilmente comprensibile se si considera il profondo significato religioso che il crocifisso possiede per i cristiani e la sua valenza culturale, in Occidente e altrove, data la diffusione del Cristianesimo e del complesso di principi e valori ad esso ispirati. Forse proprio l’ampiezza e la complessità della questione, davvero solo apparentemente secondaria, spiega l’atteggiamento di gran parte dell’opinione pubblica che spesso ritiene del tutto inadeguate le soluzioni giuridiche apprestate dal legislatore così come le decisioni prese dai giudici chiamati a dirimere episodi di contestazione o obiezione di coscienza ai simboli religiosi. Non è difficile ipotizzare che la questione tornerà ad essere sollevata nei tribunali e forse solo consolidati mutamenti sociali e culturali porteranno a soluzioni differenti rispetto a quelle adottate sinora, tenuto conto di come il diritto in generale e ovviamente anche il diritto ecclesiastico sia riflesso del contesto storico nel quale è elaborato, e soprattutto di come anch’esso si faccia portatore delle esigenze e dei bisogni, anche in materia religiosa, dei consociati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nel lavoro che ho svolto ho affrontato una questione piuttosto dibattuta non solo nel diritto ecclesiastico ma a livello più generale: si tratta della questione relativa alla presenza dei simboli religiosi e in particolare del crocifisso nei luoghi pubblici. Ho ritenuto opportuno evidenziare dapprima l’assetto attuale dei rapporti fra Stato e Chiesa cattolica, mettendo in evidenza come esso sia il punto di arrivo di una evoluzione piuttosto lunga, iniziata nel periodo preunitario e proseguita fino ai giorni nostri. Non è superfluo ripercorrere le tappe di tale evoluzione, considerato come spesso la storia dei rapporti tra lo Stato e la Chiesa sia riflesso fedele della società italiana, dei suoi cambiamenti e della maturazione culturale e civile delle istituzioni e dei cittadini. Così è stato possibile riscontrare come l’Italia abbia cominciato la sua storia di Nazione con una Costituzione improntata al confessionismo, lo Statuto Fondamentale del Regno o Statuto Albertino, cui nei fatti è però spesso seguito un comportamento delle istituzioni non sempre coerente con il dettato costituzionale: l’Italia liberale era uno Stato che non ha disdegnato soluzioni giurisdizionalistiche e che non si è preoccupato di far rispettare troppo le disposizioni in materia di istruzione religiosa tra le quali era compresa la prima previsione in ordine di tempo relativa alla presenza del crocifisso nelle aule scolastiche. Così, in seguito, nel clima neoconfessionista che pervase l’avvento del fascismo, la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corte costituzionale
crocifisso
libertà religiosa
simboli religiosi
diritto ecclesiastico
crocefisso
laicità dello stato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi