Skip to content

Azioni correlate e tracking stocks

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Tullio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonio Nuzzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

Le tracking stocks costituiscono una particolare categoria di azioni, nata e diffusasi negli StatiUniti a partire dalla prima metà degli anni Ottanta.
La caratteristica che differenzia le tracking stocks dalle azioni ordinarie (o common stocks) è quella di essere azioni correlate ad uno specifico settore di attività nell’ambito di una società multidivisionale.
L’obbiettivo perseguito dalle società attraverso l’emissione di questa tipologia di azioni è quello di rendere più visibili sul mercato i nuovi settori con ampie prospettive di crescita (si tratta spesso dei settori cd. tecnologici, legati all’e-commerce e, più in generale, ai servizi offerti attraverso internet).
Lo stesso obbiettivo può essere anche perseguito adottando la diversa strategia della scissione societaria (spin-off). Attraverso le operazioni di scorporo, un settore dell’impresa viene separato dal resto della società da un punto di vista giuridico e patrimoniale, perchè viene creato un nuovo ed autonomo soggetto di diritto, con un proprio organo direttivo ed un proprio bilancio diversi rispetto a quelli della società madre.
L’emissione di tracking stocks, invece, non comporta una separazione giuridico-patrimoniale, bensì una separazione esclusivamente finanziaria e contabile.
Inoltre, l’emissione di trackings stocks può dar luogo ad un conflitto di interessi fra diverse categorie di azionisti e fra azionisti ed amministratori, sollevando rilevanti questioni in ordine all’adempimento dei doveri fiduciari (fiduciary duties) da parte di questi ultimi.
Esaminate natura e caratteristiche delle tracking stocks, l’obbiettivo dell’indagine è stato quello di verificare se, a seguito della riforma del diritto societario, nel nostro ordinamento siano stati introdotti istituti analoghi.
Nella scelta degli istituti da porre a confronto con il diritto straniero, è stato analizzato il meccanismo delle tracking stocks sotto un profilo teleologico, cercando di capire quali norme del diritto italiano consentissero di perseguire nel nostro ordinamento finalità analoghe a quelle delle tracking stocks. In base a questa indagine, sono stati individuati due istituti: le azioni correlate e i patrimoni destinati ad uno specifico affare.
Lo studio della disciplina delle azioni correlate e dei patrimoni destinati ha messo in rilievo le loro differenze, evidenziando però al contempo che entrambe le figure sono ispirate alla stessa logica divisionale delle tracking stocks e perseguono fondamentalmente le medesime finalità giuridico-economiche di questo strumento finanziario.
La comparazione dei nostri istituti con quello straniero ha consentito peraltro di affermare che le azioni correlate, e non anche i patrimoni destinati, corrispondono in ogni loro aspetto alle tracking stocks e che, nel disciplinare le azioni correlate, il nostro legislatore si è ispirato al modello degli Stati Uniti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1. Le tracking stocks. Le tracking stocks 1 costituiscono una speciale categoria di azioni correlate ad uno specifico settore di impresa nell’ambito di una società multidivisionale. Il valore di queste azioni viene influenzato dal rendimento economico del particolare comparto d’impresa cui esse sono collegate: da questo punto di vista esse si distinguono rispetto alle azioni ordinarie, le quali invece rimangono legate alla performance dell’intera società. Un fenomeno largamente diffuso fra le società quotate in borsa negli Stati Uniti è stato, nell’ultimo decennio, quello di individuare e sperimentare i meccanismi che meglio consentissero di sfruttare le ampie prospettive di crescita dei settori tecnologici. Ci riferiamo ai settori relativi alla commercializzazione di prodotti high-tech, alla vendita di prodotti attraverso mezzi informatici (e-commerce) e, più in generale, ad ogni forma di business legato alla diffusione di internet. 1 Altre denominazioni più rare sono: “targeted shares” e “designer stocks”. Spesso vengono anche indicate come “alphabet stocks”, “letter stocks” o “lettered stocks”, sulla base della prassi, di alcune società, di individuare tali azioni con una lettera dell’alfabeto. Cfr. DE BIASI, P., Burro e cannoni: le Alphabet stock, in Le Società, 2002, 815 e PORTALE, G. B., Dal capitale “assicurato” alle “tracking stocks”, in Riv. Soc., 1/2002, 163. In Germania vengono chiamate anche “Bereichsaktien” “Spartenaktien”. Cfr. BAUMS, T., Spartenorganisation, “Tracking stock” und deutsches Aktienrecht, in Festschrift für Karlheinz Boujong zum 65. Geburtstag, München, 1996. In Francia vengono utilizzate anche le espressioni “actions reflet” e “actions sectorielles”. Cfr. TÉZENAS DU MONTCEL, A., Les “Tracking Stocks”, 2000, in www.u-paris_z.fr. Nel nostro ordinamento, come vedremo, verranno chiamate “azioni correlate”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azioni correlate
finanza
tracking stocks
borsa valori
diritto privato comparato
riforma del diritto societario
patrimoni destinati a uno specifico affare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi