Skip to content

Milano conserva il patrimonio artistico contemporaneo? Un orientamento al panorama italiano ed estero

Informazioni tesi

  Autore: Raffaella Gagni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Pittura e Restauro pittorico
  Corso: Pittura e restauro pittorico
  Relatore: Raffaele De Grada
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 234

Definizione della nuova identità del museo d’arte contemporanea attraverso lo studio di varie realtà gravitanti intorno al sistema del museo odierno, dalla legislazione sui beni culturali alla sua organizzazione interna (attività e spazi) ed esterna (reti di musei sul territorio), in una panoramica generale della situazione museale italiana, con particolare attenzione alla città di Milano, e confronti con le più avanzate città europee ed americane. Il lavoro di ricerca ha pertanto riguardato soprattutto gli spazi espositivi pubblici (con qualche eccezione di particolare pregio culturale nel settore privato) della città di Milano, basandosi sulla raccolta dei progetti per un “nuovo museo d’arte contemporanea” delle passate giunte comunali e di quelli dell’attuale amministrazione, per poter meglio valutare le possibilità di un nuovo rilancio socio-culturale del capoluogo lombardo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA Nell’ultimo ventennio il dibattito internazionale sul ruolo che ha assunto il museo all’interno della società, ha portato ad una progressiva demolizione dei suoi confini, trasformandolo da semplice luogo di deposito e ricovero di oggetti d’arte, demandato alla tutela, alla salvaguardia, alla catalogazione delle opere in esso esposte, a luogo “aperto”. Il nuovo museo d’arte contemporanea si libera dall’impostazione rigida del secolo passato, aprendosi ad un’attività più viva e articolata che pone al centro del suo essere la produzione e la promozione di cultura, facendosi centro propulsore per la città. Una struttura che, pur non dimenticando il suo primo dovere di conservazione e tutela delle raccolte, da chiusa si fa “aperta”, aperta alle attività degli artisti, alle sperimentazioni e al pubblico. Il museo d’arte contemporanea è infatti il luogo istituzionale cui dovrebbe far riferimento la ricerca artistica attuale, le esperienze in atto non ancora configurabili come opere da consegnare alla storia; quindi, come grande laboratorio di produzione culturale. Si tratta pertanto di strutture “aperte”, sia dal punto di vista ideologico che istituzionale (con l’attuale inserimento dei privati nella sfera di pubblico), sia dal punto di vista architettonico, poiché caratterizzate da grande flessibilità espositiva, caratteristica assolutamente necessaria soprattutto se si tiene in considerazione il variegato mondo dell’arte contemporanea. Prendendo infatti come dato di fatto, che una delle principali tendenze dell’arte contemporanea è quella di produrre “opere ambientali”, che si pongono in relazione con l’ambiente circostante modificandone i rapporti convenzionali, è chiaro che si pone l’esigenza di ripensare l’organizzazione museale in termini diversi da quelli del museo tradizionale. Attualmente, nella proliferazione internazionale di nuovi musei d’arte contemporanea, si possono riconoscere degli esperimenti-ricerca, raggruppabili in tendenze, piuttosto che in un’unica tipologia museale. Tutto si muove ad alte velocità, la società, le televisioni, i mezzi di comunicazione multimediali, l’avvento di Internet, e l’arte, proprio perché linguaggio della società

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte contemporanea
didattica museale
museologia
spazi espositivi
musei
milano
gallerie d'arte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi