Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche di prevenzione, controllo e contrasto dell'immigrazione clandestina

Le problematiche correlate al fenomeno dell'immigrazione clandestina e/o irregolare e le conseguenti politiche adottate ai diversi livelli istituzionali per farvi fronte, sono, oltre che molteplici e delicate, anche molto attuali e di particolare interesse per l'opinione pubblica.
In questo lavoro il fenomeno viene attentamente analizzato prima dal punto di vista descrittivo (origini, cause, entità, direttrici, organizzazioni operanti, etc.) e poi da quello prescrittivo (politiche adottate in ambito nazionale, comunitario e globale).
L'autore è un profondo conoscitore della materia, sia per gli studi compiuti (tra gli altri: 2 Lauree - una in Economia del Commercio Internazionale e dei Mercati Valutari e l'altra in Scienze Politiche - e due Master) sia per la professione esercitata (Ufficiale Superiore della Marina Militare - Guardia Costiera).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La politica migratoria estera, e in particolare quella parte di essa finalizzata al contrasto dell’immigrazione clandestina, è riconosciuta oggi come un policy field di grande importanza e delicatezza. Ciò è vero in special modo nel caso dell’Italia che, per ragioni geografiche, risulta particolarmente esposta a flussi di natura irregolare e forzata, e in cui, per motivi economici e demografici, sussiste un bisogno strutturale di immigrazione. Nell’arco di meno di quindici anni, la lotta alle diverse forme di traffico di persone si è imposta come un’importante priorità per la cooperazione internazionale a diversi livelli e per l’azione delle principali organizzazioni internazionali e sopranazionali, sia a livello mondiale (Nazioni Unite), sia a livello regionale (in particolare, nel quadro dell’Unione europea). Questa tesi ha per oggetto il fenomeno del traffico di persone e il complesso delle politiche adottate ai vari livelli politico istituzionali, da quello nazionale a quello globale, per contrastarlo. Questo interesse in quanto un’impostazione coerente e coordinata per affrontare l’immigrazione illegale, sarà una componente essenziale di una politica dell’immigrazione più efficace e aperta sia livello europeo che nazionale. L’oggetto di questa ricerca è assai esteso e in rapido divenire. Non ci si propone, pertanto, di ricostruire nei dettagli il quadro dei traffici aventi ad oggetto persone che interessano attualmente l’Italia, né tantomeno di descrivere esaustivamente l’articolato scenario delle politiche anti-traffico. L’obiettivo di questo scritto consiste nel fornire i riferimenti conoscitivi essenziali ed alcuni strumenti teorici, per orientarsi di fronte a un fenomeno multiforme e mutevole, a cui corrisponde un’elaborazione politica altrettanto complessa e dinamica. Esso si articola in quattro parti. Anzitutto vengono descritte nel primo capitolo (“L’immigrazione clandestina: le cause, lo sviluppo, le dimensioni e le direttrici di un fenomeno percepito come minaccia per la sicurezza dei cittadini”) le cause che hanno determinato il nascere dell’immigrazione clandestina. Inoltre, viene fornito un quadro dell’entità del fenomeno, delle direttrici dei flussi clandestini di interesse per l’Italia e della questione sicurezza derivante dal legame tra immigrazione clandestina e criminalità. Poi si ritiene opportuno procedere nel secondo capitolo (“Analisi delle organizzazioni operanti nell’industria dell’ingresso clandestino“) ad un’analisi delle condizioni strutturali dell’industria dell’ingresso clandestino e, sulla scorta della documentazione disponibile, si ricostruisce la tipologia organizzativa e le forme di sviluppo dei singoli imprenditori, dei gruppi e delle organizzazioni che operano su tale mercato a scopo di lucro. Nel terzo capitolo (“Le politiche ed i sistemi di controllo migratorio”) si propone, nelle sue linee essenziali, il quadro delle politiche antitraffico, le tendenze che ne influenzano l’elaborazione, e la loro evoluzione dalla dimensione nazionale a quella comunitaria; il tutto soffermandosi sulle problematiche inerenti alla definizione del fenomeno a scopo regolativo e sulla nozione di sistemi di controllo migratorio Infine il quarto capitolo (“L’approccio integrato come politica di prevenzione, controllo e contrasto dell’immigrazione clandestina”), tratta specificamente della strategia dell’ approccio integrato e delle sue componenti che, nell’ambito delle politiche di contrasto dell’immigrazione clandestina, è quella che sovrintende a gran parte dell’azione internazionale in questo campo. Le fonti utilizzate per questo lavoro sono diverse e comprendono: letteratura specializzata e divulgativa, pubblicazioni ufficiali, atti di polizia e giudiziari, testimonianze di esperti, operatori e osservatori privilegiati.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Maurizio Vitale Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14262 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 45 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.