Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La riorganizzazione di un'impresa che produce su commessa:il caso Nuova C.M.P.

Quando lo scorso anno, dopo le vacanze estive, mi trovai a dover scegliere le tesi, ho subito pensato di volerne scegliere una che mi consentisse da un lato di mettere in pratica le conoscenze acquisite nel corso degli studi e dall’altro di ampliarle in unione a un’esperienza lavorativa. Fu così che decisi di far ricadere la scelta su una tesi il cui titolo era “La riorganizzazione di un’impresa che produce su commessa: il caso Nuova C.M.P.”, mi pareva infatti rispondere a queste mie aspettative. Nell’ottobre del 2002 è cominciata la mia esperienza con la Nuova C.M.P., un’azienda torinese operante su commessa, specializzata nel montaggio e nella realizzazione di macchine per la foratura di circuiti stampati.
Da principio ho riscontrato alcune difficoltà, per me si è trattato, infatti, di un mondo completamente nuovo, in cui la totale mancanza di esperienza non ha certamente contribuito a rendermi più semplice il compito per cui sono stata chiamata. La mia mansione si potrebbe attribuire a quella che normalmente è del tipico consulente aziendale: stendere e iniziare a implementare un piano di riorganizzazione per una piccola impresa, cercando di risolvere le problematiche presenti e introducendo strumenti e metodologie, volti a garantire il massimo sviluppo delle opportunità aziendali nell’ambito del nuovo contesto di mercato da affrontare. È infatti la necessità di estendere le proprie attività e acquisire nuovi clienti per sopravvivere sul mercato a spingere la Nuova CMP a una riorganizzazione interna.
Scegliere le variabili critiche su cui agire, i cambiamenti da effettuare, gli strumenti da inserire significa assumersi un compito molto difficile che vede uno studio a fondo della realtà aziendale e del contesto di mercato.
Il primo passo compiuto è stato “una revisione aziendale” ossia un’analisi critica dell’impresa per individuare quali sono le problematiche dell’azienda e le cause di esse, ovvero le aree dove intervenire e gli obiettivi da raggiungere. La revisione del sistema aziendale porta a evidenziare e riconoscere gli errori compiuti nel passato, e dai quali si possono trarre indicazioni utili al fine di migliorarsi.
Il secondo passo vede la generazione di idee a fronte dei problemi da risolvere sostenuta da una ricerca di concetti dalla letteratura adattabili al caso Nuova CMP con un approccio di utilizzo strumentale, e da una scelta degli strumenti organizzativi e gestionali utili all’azienda.
Il terzo passo vede l’implementazione del piano di riorganizzazione ossia delle soluzioni “progettate ad hoc”.
La mia tesi vuole presentare l’intervento che ho operato, collaborando attivamente con il personale aziendale, nel corso di 12 mesi.

La tesi si articola in cinque capitoli che ripercorrono i tre passi del mio lavoro.
Il primo capitolo presenta la Nuova CMP e la situazione attuale dell’azienda che ha spinto alla riorganizzazione.
Il secondo capitolo presenta l’analisi teorica di tutti i principi e strumenti che stanno alla base del piano elaborato per l’azienda: se ne descrivono le caratteristiche e le motivazioni della loro scelta.
Il terzo capitolo tratta il Sistema Qualità, in quanto modello di gestione aziendale al quale si ispira la riorganizzazione.
Il quarto capitolo è rivolto alle tecniche del Project Management, in quanto consentono all’imprenditore la gestione ottimale delle commesse.
Il quinto capitolo riguarda la soluzione ad hoc per la Nuova CMP: sono esposti in dettaglio i problemi che sono stati affrontati nell’azienda e le soluzioni trovate, con attenzione ai risultati a cui portano l’efficace applicazione degli strumenti e metodologie organizzative, esposte nei capitoli precedenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Alfa Layer Srl Via Caboto 53 10129 Torino www.alfalayer.com [email protected] Introduzione Quando lo scorso anno, dopo le vacanze estive, mi trovai a dover scegliere le tesi, ho subito pensato di volerne scegliere una che mi consentisse da un lato di mettere in pratica le conoscenze acquisite nel corso degli studi e dall’altro di ampliarle in unione a un’esperienza lavorativa. Fu così che decisi di far ricadere la scelta su una tesi il cui titolo era “La riorganizzazione di un’impresa che produce su commessa: il caso Nuova C.M.P.”, mi pareva infatti rispondere a queste mie aspettative. Nell’ottobre del 2002 è cominciata la mia esperienza con la Nuova C.M.P., un’azienda torinese operante su commessa, specializzata nel montaggio e nella realizzazione di macchine per la foratura di circuiti stampati. Da principio ho riscontrato alcune difficoltà, per me si è trattato, infatti, di un mondo completamente nuovo, in cui la totale mancanza di esperienza non ha certamente contribuito a rendermi più semplice il compito per cui sono stata chiamata. La mia mansione si potrebbe attribuire a quella che normalmente è del tipico consulente aziendale: stendere e iniziare a implementare un piano di riorganizzazione per una piccola impresa, cercando di risolvere le problematiche presenti e introducendo strumenti e metodologie, volti a garantire il massimo sviluppo delle opportunità aziendali nell’ambito del nuovo contesto di mercato da affrontare. È infatti la necessità di estendere le proprie attività e acquisire nuovi clienti per sopravvivere sul mercato a spingere la Nuova CMP a una riorganizzazione interna. Scegliere le variabili critiche su cui agire, i cambiamenti da effettuare, gli strumenti da inserire significa assumersi un compito molto difficile che vede uno studio a fondo della realtà aziendale e del contesto di mercato.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Elena Orassi Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2995 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.