Skip to content

La disciplina delle professioni

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Sara
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giampaolo Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

Con il presente lavoro si è inteso esaminare la disciplina che regolamenta il settore delle professioni che, recentemente, è stata oggetto di vivaci discussioni e di proposte di riforma.
E’ stata inizialmente data una panoramica dei caratteri generali delle professioni, dedicando attenzione particolare al tema dalle asimmetrie informative ed al più generale inquadramento delle professioni a livello europeo, ponendo l’attenzione alle due libertà di stabilimento e di prestazione di servizi ed alle relative sentenze della Corte di Giustizia Europea.
È stata posta in evidenza la particolare posizione esponenziale che gli Ordini ed i Collegi professionali rivestono nell'ambito delle rispettive categorie e la loro natura di enti che, se pur a base associativa e volontaristica, sono istituzionalmente preordinati alla cura degli interessi giuridici ed economici delle categorie oggettivamente ed unitariamente considerate, e non dei singoli associati.
È stata esaminata la struttura organizzativa degli Ordini, gli organi di cui sono dotati ed il carattere democratico al quale sono improntate le modalità di partecipazione degli iscritti al governo dell'ente professionale che si manifesta in forme di vero e proprio autogoverno ed autoregolamentazione.
Si è parlato inoltre delle norme deontologiche e dei relativi codici che gli Ordini professionali, in virtù della loro autonomia ed indipendenza, hanno il potere di creare, determinando proprie norme di carattere endoassociativo, volte a tutelare il decoro ed il prestigio dell'attività professionale.
È stata illustrata la tematica relativa agli albi professionali, partendo da riferimenti storici e ponendo particolare attenzione alla natura e struttura degli albi, alle funzioni da essi svolte, ed al particolare e discusso problema della riserva di attività istituita con la legge dell’11 gennaio 1979 n. 12 in favore di alcune categorie di professionisti iscritti ad albi in relazione agli adempimenti in materia di lavoro, previdenza e assistenza sociale dei lavoratori dipendenti, ed alle relative eccezioni, ampliate successivamente dalla legge 17 maggio 1999 n. 144.
A completamento della disamina della regolamentazione sulle professioni, è stata prestata notevole attenzione al tema della società tra professionisti, partendo dalla distinzione fra libera professione e impresa e ponendo l’accento sulle prospettive ed alle proposte di riforma volte a disciplinare l'esercizio non individuale delle professioni intellettuali.
Si è parlato dell’antico divieto imposto dalla legge n. 1815/1939 e della sua successiva abrogazione, valutando le conseguenze avvenute e quelle tuttora attuabili.
In proposito è stata introdotta la proposta di legge Vietti, ad oggi ancora in sede di discussione, una proposta di riforma delle professioni in generale, ma che dovrebbe finalmente introdurre la società tra professionisti come figura autonoma rispetto agli altri tipi di società già previsti dal Codice Civile.
A chiusura del lavoro, sono state espresse alcune considerazioni in ordine alla opportunità di riforma del sistema degli delle professioni e dei relativi Ordini, nonché alle nuove esigenze nascenti dalla notevole espansione e dal crescente grado di internazionalizzazione del settore dei servizi professionali nei paesi industrializzati nei quali si evidenzia, nell'ambito di una significativa crescita nel settore terziario, l'espansione registrata dai servizi professionali rivolti alle imprese.
Ribadendo che a livello nazionale siamo al vaglio dell’emananda legge Vietti sulla “riforma del diritto delle professioni”, ricordiamo, infine, che proprio in questi giorni è in corso, a livello europeo, un dibattito intenso sul sistema di regolazione e sull’applicazione delle regole di concorrenza alle libere professioni.
Il Commissario Europeo della Concorrenza Mario Monti, mosso dal sospetto che la regolamentazione delle professioni rappresenti, in molti casi, una protezione per i professionisti e non risponda, invece, all’esigenza di garantire l’affidamento del pubblico, ha indetto a Bruxelles una conferenza per il 28 Ottobre.
Perciò: liberalizzare e aprire le professioni alle regole sulla concorrenza o conciliare l’obiettivo di promuovere la concorrenza con quello di mantenere norme etiche proprie a ciascuna professione? Sperando in una risoluzione che accolga la seconda ipotesi, attendiamo a breve una risposta concreta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La regolamentazione delle professioni intellettuali costituisce ancora oggi uno dei temi più importanti e discussi. Le proposte di ridefinizione del sistema professionale non hanno ricevuto consensi unanimi da parte delle forze politiche e degli organismi di categoria che però concordano sull'urgenza di riformare tale sistema richiamandosi alla necessità di: – attribuire maggiore importanza alle attività professionali nei processi di sviluppo del Paese eliminando i vincoli e le rigidità che per molto tempo hanno caratterizzato il sistema professionale. Ciò è possibile se si prevedono dei meccanismi di accesso alle professioni che incentivano a migliorare in maniera costante la qualità delle prestazioni inducendo alla creazione di una comunità di lavoro fortemente competitiva; – ridefinire la concezione di tutela professionale, intesa fino ad oggi esclusivamente come sola ampia protezione degli operatori e che invece deve estendere la sua efficacia anche ai destinatari dei servizi professionali; – riconoscere che le logiche di scambio economico internazionale influenzano inevitabilmente il settore dei servizi e quindi anche quello delle professioni intellettuali. Il percorso di riforma ha avuto un importante sviluppo con il disegno di legge delega n. 5092, approvato il 3 luglio 1998 dal Governo Prodi (la cosiddetta "bozza Mirone") e definito successivamente nel programma del Governo D'Alema come il punto di partenza per la riforma delle professioni. Tuttavia tale disegno di legge è stato oggetto di numerose critiche innanzi tutto dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che l'ha giudicato vago nei contenuti e carente di quei caratteri direttivi che dovrebbero definirne la valenza. Dopo aver chiarito che il sistema verso cui si deve tendere è quello in cui la regola è rappresentata dall'iscrizione ad associazioni private fra professionisti e non più ad Ordini di natura pubblicistica, l'Autorità ha evidenziato i difetti del disegno di legge riguardo alla disciplina dell'accesso alla professione. Tale disegno, infatti, dovrebbe specificare l'obbligatorietà dell'iscrizione all'Albo di un Ordine unicamente per l'esercizio delle attività attribuite in esclusiva, mentre per tutte le

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

professionisti
riserva di attività
ordini professionali
professioni intellettuali
albi professionali
professioni
società tra professionisti
disciplina delle professioni
legge n. 12-1979
legge n. 144-1999
diritto delle professioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi