Skip to content

La natura giuridica dei ''nomi a dominio''

Informazioni tesi

Diritto della Rete - Master Universitario
  Autore: Johann Gruber
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2003
Docente/Relatore: Andrea R. Sirotti Gaudenzi
Istituito da: Università degli Studi di Padova
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

Ha suscitato parecchio clamore la querelle relativa al nome a dominio “armani.it”, che vede contrapposti la nota casa di moda, titolare dell’omonimo marchio di rinomanza internazionale, e il sig. Luca Armani, titolare di un timbrificio a Treviglio in provincia di Bergamo.
I fatti sono noti: il sig. Luca Armani aveva registrato per primo, nel 1997, il dominio www.armani.it presso la competente Registration Authority Italiana, nella convinzione che in base alla regola “first come, first served” nessuno avrebbe potuto contenderglielo. Invece sono passati solo pochi mesi che la Giorgio Armani S.p.A., nel 1998, ha proposto ricorso giurisdizionale ritenendo lesi i propri diritti attinenti all’omonimo marchio. Dopo un iter giudiziario pluriennale il Tribunale di Bergamo con sentenza del 3 marzo 2003 ha dato ragione alla griffe condannando Luca Armani al pagamento delle spese processuali, inibendogli l'uso della parola ''armani'' come nome a dominio ove non accompagnata da elementi idonei a differenziarla dal marchio ''Armani'', e fissando infine una penale di 5.000 Euro per ogni giorno di ritardo nell'esecuzione della sentenza stessa.
Tale verdetto, mentre ha incontrato il consenso di giuristi esperti del settore, è stato invece accolto con amarezza dal soccombente Luca Armani che ha, peraltro, trovato solidarietà sia da alcuni “addetti” del mondo Internet che da una parte del mondo politico (segnatamente il senatore dei Verdi, Fiorello Cortiana, secondo cui “la multinazionale Armani spa ha sottratto il dominio armani.it al timbrificio del sig. Luca Armani” colpendo “quello che si considerava un pilastro di Internet, ovvero il diritto al proprio cognome”).
Ora, mentre la causa giudiziaria non appare ancora conclusa (in quanto il sig. Luca Armani sembra intenzionato a proporre appello contro la sentenza del Tribunale), risulta di palmare evidenza che il nocciolo della questione sta nella natura o “essenza” di quello che di Internet costituisce il fulcro, cioè dei nomi a dominio (domain names nella terminologia inglese).
Ebbene, poichè manca, nel diritto positivo italiano ed europeo, una disposizione che qualifichi i domain names, col presente lavoro si è cercato di addivenire ad una risoluzione soddisfacente della questione, tuttora discussa in modo controverso, prendendo le mosse dalle regole tecniche che sottendono al sistema dei domain names e analizzando le varie posizioni che sono state prospettate in giurisprudenza e in dottrina, con particolare riferimento alla situazione italiana ma non senza gli opportuni raffronti con quanto è stato enunciato nei Paesi esteri, specificatamente dell’Unione Europea.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
JOHANN GRUBER - LA NATURA GIURIDICA DEI NOMI A DOMINIO ABSTRACT Ha suscitato parecchio clamore la querelle relativa al nome a dominio “armani.it”, che vede contrapposti la nota casa di moda, titolare dell’omonimo marchio di rinomanza internazionale, e il sig. Luca Armani, titolare di un timbri- ficio a Treviglio in provincia di Bergamo. I fatti sono noti: il sig. Luca Armani aveva registrato per primo, nel 1997, il dominio www.armani.it presso la competente Registration Authority Ita- liana, nella convinzione che in base alla regola “first come, first served” nessuno avrebbe potuto contenderglielo. Invece sono passati solo pochi mesi che la Giorgio Armani S.p.A., nel 1998, ha proposto ricorso giurisdizionale ritenendo lesi i propri diritti attinenti all’omonimo marchio. Dopo un iter giudiziario plu- riennale il Tribunale di Bergamo con sentenza del 3 marzo 2003 ha dato ragione alla griffe condannando Luca Armani al pagamento delle spese processuali, ini- bendogli l'uso della parola "armani" come nome a dominio ove non accompa- gnata da elementi idonei a differenziarla dal marchio "Armani", e fissando infine una penale di 5.000 Euro per ogni giorno di ritardo nell'esecuzione della senten- za stessa. Tale verdetto, mentre ha incontrato il consenso di giuristi esperti del settore, è stata invece accolta con amarezza dal soccombente Luca Armani che ha, peraltro, trovato solidarietà sia da alcuni “addetti” del mondo Internet che da una parte del mondo politico (segnatamente il senatore dei Verdi, Fiorello Cortiana, secondo cui “la multinazionale Armani spa ha sottratto il dominio ar- mani.it al timbrificio del sig. Luca Armani” colpendo “quello che si considerava un pilastro di Internet, ovvero il diritto al proprio cognome”). Ora, mentre la causa giudiziaria non appare ancora conclusa (in quanto il sig. Luca Armani sembra intenzionato a proporre appello contro la sentenza del Tribunale), risulta di palmare evidenza che il nocciolo della questione sta nella natura o “essenza” di quello che di Internet costituisce il fulcro, cioè dei nomi a dominio (domain names nella terminologia inglese). Ebbene, poiché manca, nel diritto positivo italiano ed europeo, una di- sposizione che qualifichi i domain names, col presente lavoro si è cercato di ad- divenire ad una risoluzione soddisfacente della questione, tuttora discussa in modo controverso, prendendo le mosse dalle regole tecniche che sottendono al sistema dei domain names e analizzando le varie posizioni che sono state pro- spettate in giurisprudenza e in dottrina, con particolare riferimento alla situazio- ne italiana ma non senza gli opportuni raffronti con quanto è stato enunciato nei Paesi esteri, specificatamente dell’Unione Europea.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto della rete
internet
nomi a dominio
nomi di dominio
www.armani.it
domain name

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi