Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Viviani e il teatro dialettale

Viviani e i vari cambiamenti che ha apportato al teatro dialettale napoletano distaccandosi da quello di Di Giacomo e Scarpetta. Egli usa un linguaggio particolare, il dialetto dei sobborghi napoletani della fine dell'ottocento e inizio novecento, racconta con il suo linguaggio la vita dei diseredati di quel tempo e in particolar modo fa riferimento agli scugnizzi, figure caratteristiche di Napoli dove egli rivede un po' se stesso, tutto ciò è messo in luce attraverso le sue opere e la famoso Rumba Scugnizza.
il suo teatro non fu apprezzato da molti perché ritenuto poco comprensibile, ma la sua notorietà arrivò solo dopo la sua morte grazie alla pubblicazione postuma delle sue opere in versione integrale cioè comprendevano anche le sue musiche.
Viviani apporta grande novità al teatro fa vari passaggi dal varietà con le famose macchiette arriva al teatro con le sue opere prima in un solo atto poi in due atti e infine in tre atti dove i suoi personaggi sono presentati e introdotti dalla Musica elemento caratterizzante di questo cambiamento. Le sue opere conservate gelosamente dai suoi nipoti e sorella oggi è possibile visionarle presso La Sez. Lucchesi Palli della Biblioteca Nazionale di Napoli.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 La Vita Le memorie Vivianee costituiscono le linee essenziali per comprendere dati e avvenimenti e traducono in tono chiaro la vita vissuta con gustoso umorismo. Questo libro parla di come io nacqui, di come io pervenni, di come io ho sofferto e a prezzo di quali sforzi mi conquistai la notorietà; cose tutte che ti possono riguardare fino a un certo punto; ma non sono prive di ammaestramento. E’ tutta una vita di pazienza e di fede […] essa non mi abbandonò mai nei più terribili momenti di lotta. Sapevo che per forza di questa fede, avrei raggiunto la mia meta, e il tempo mi ha dato ragione. Si capisce che, narrando cose spesso non liete, mi sono servito di una chiacchiera allegra per garantirmi la continuità della lettura. Coll’idea di trovare la battuta comica, tu andrai avanti e mi leggerai tutto. La caratteristica di questo libro mi illudo che stia nel fatto che dalla prima all’ultima parola è sgorgata da una realtà vissuta e sentita […]. 1 Infatti passi biografici ci fanno capire a pieno quali situazioni ha dovuto affrontare l’autore e con quanti sforzi si è conquistato la notorietà, che è stata la meta di tutte le sue lotte, anche nei momenti cruciali. 1 Raffaele Viviani, Dalla Vita alle Scene, Napoli, Guida 1988, pp. 11-12.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonella D'Allestro Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3443 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.