Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti e momenti del pensiero medico antico e medievale con particolare riguardo ai Consilia ed ai Regimina

Una tesi che riguarda la storia del pensiero medico in connessione con la storia della filosofia, quindi considerando la concezione della salute e del pensiero filosofico e medico nell'antica Grecia, in Roma, tra gli arabi, e la visione medioevale. In particolare viene considerata la cultura dei Regimen sanitatis e dei Consilia che annovera tra i rappresentanti uno Pseudoaristotele, Ildegarda di Bingen, Taddeo Alderotti, Aldobrandino da Siena.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nell'arco della storia l'uomo si e' trovato fin dall'inizio a dover fronteggiare la malattia. Si parla infatti di paleopatologia 1 , in quanto, anche in epoca preistorica, l'uomo, cosi' come gli animali, erano soggetti a malanni. La malattia e' quindi un fenomeno piu' antico dell'uomo, forse antico quanto la vita sul pianeta. Essendo dotato di un corpo fisico che fa esperienza del mondo sensibile, l'uomo deve fare i conti con i limiti che la sua "fisicita' " gli impone. Il termine "malattia" deriva da "male habitum " ed indica quindi un "cattivo stato" in cui puo' venirsi a trovare l'individuo. L'opposto della malattia e' la salute, che l'Organizzazione mondiale per la Sanita' definisce come " uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non soltanto l'assenza di malattia ed infermita' "; e' un fenomeno, quindi, che coinvolge diverse dimensioni dell'uomo. Il termine "salute" richiama anche il concetto di "salvezza", in quanto ha una radice indoeuropea che e' "salvus" ossia "salvo", e vediamo, infatti, come in determinati contesti storico culturali, la salute non sia solo uno stato di benessere dell'organismo, ma vada a coinvolgere anche la dimensione spirituale dell'essere umano. Il nesso tra salute e salvezza sara' ben evidente nel periodo medievale, quando la religione cristiana si fara' portatrice dei valori di riferimento che caratterizzeranno anche la vita dell'uomo comune. La salute e' quindi un fenomeno alquanto complesso, di cui troppe volte si prende coscienza solo quando, secondo un detto popolare, " viene a mancare". La prevenzione ha da sempre assunto, quindi, un ruolo molto importante; essa rappresenta l'insieme delle regole di comportamento, delle cosidette buone abitudini che ci permettono di mantenerci sani, e comprende vari settori quali l'alimentazione, l'esercizio fisico, l'igiene fisica e mentale, il sonno, la sessualita', il comportamento umano inserito nel contesto della vita quotidiana. La salute, come la malattia, ha una storia che la lega all'uomo, alle culture ed alle civilta', alle societa' ed alle filosofie. La medicina, d'altro canto, attraverso i secoli viene praticata, studiata, vengono fatte teorie, viene anche definita nelle sue caratteristiche in quanto materia scientifica. Per lo piu', la si vede come costituita da un aspetto pratico e da uno teorico. Per Platone, "la medicina ricerca cio' che e' utile al corpo" 2 , per Alcuino e' "scientia curationis ad temperamentum et salutem corporis inventa", per Isidoro di Siviglia la medicina e' "quell' arte che preserva e ristabilisce la salute del corpo", mentre il nome "medicina" deriva da "modus", e richiama quindi al concetto di "giusta misura", perchè "ci si serve di essa senza eccedere", per ritrovare il giusto mezzo 3 ; per Avicenna e' "l'arte di conservar la salute e di guarire le malattie che colpiscono il corpo". 1 cfr. L. Premuda, Storia della medicina, CEDAM, Padova 1975, pp. 26 - 28. e cfr. G. Cosmacini, L'arte lunga. Storia della medicina dall'antichità ad oggi, Laterza, Bari 1999, p. 38. 2 cfr. Platone, Repubblica I, 342 c, in AA.VV., Platone. Tutte le opere. Vol. IV; trad.it.di G. Caccia, Newton, Roma 1997, p. 61. 3 cfr. J.Agrimi - C.Crisciani, Malato, medico e medicina nel Medioevo, Loescher, Torino 1980, pp.220-221.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paolo Milanesi Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2665 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.