Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Procedure di eliminazione della doppia imposizione sui prezzi di trasferimento nella Convenzione italo-elvetica

L'elaborato analizza la materia del transfer price (prezzi di trasferimento) utilizzato in operazioni infragruppo tra 2 o più società residenti in Stati diversi, di cui una residente in Italia. In particolare viene trattata la disciplina prevista nella Convenzione italo-elvetica, confrontando questo modello con la disciplina prevista qualora le società coinvolte appartengano agli Stati dell'Unione Europea (Convenzione n.90/436). Il tutto viene anche analizzato all'interno del quadro previsto dal modello di Convenzione OCSE.
Obiettivo del trattato è l'analisi e la comparazione delle varie possibilità offerte all'impresa per eliminare le doppie imposizioni createsi dalle rettifiche dei prezzi di trasferimento effettuate dalle amministrazioni nazionali competenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa: introduzione alla fattispecie Transfer Price e doppia imposizione internazionale. Da diversi anni l’attenzione delle Amministrazioni fiscali si è particolarmente orientata verso lo studio delle transazioni poste in essere dalle imprese multinazionali, vale a dire quelle operazioni effettuate tra imprese appartenenti ad un medesimo gruppo multinazionale 1 . Infatti, si è spesso riscontrato che operazioni realizzate tra entità organicamente appartenenti al medesimo gruppo d’impresa, nascondono comportamenti elusivi 2 finalizzati al trasferimento di utili da Paesi ad altri caratterizzati da una pressione fiscale inferiore, quindi con il vantaggio di un risparmio sulle relative imposte dirette ed indirette. Uno dei principali strumenti utilizzati è sicuramente quello dei prezzi di trasferimento (nell’accezione anglosassone Transfer Pricing). Quando una società residente stabilisce un prezzo corrispettivo (cd. appunto “prezzo di trasferimento” o “Transfer Price”) di beni ceduti e servizi prestati alle altre società del gruppo multinazionale, cui essa stessa appartiene, maggiore o minore rispetto al valore di mercato di quei beni e/o servizi, si verifica un correlato aumento o diminuzione di ricavi o costi che modifica la base imponibile di reddito attribuibile alle società tra cui si intercorrono suddetti rapporti di cessione di beni o prestazione di servizi (cd. “operazione intragruppo” od “Intragroup Transaction”). Ciò determina l’imputazione di 1 Ne viene data definizione dall’OCSE: “Un gruppo multinazionale è un gruppo di imprese associate con organizzazioni imprenditoriali in due o più Paesi. I legami tra le imprese del gruppo consistono nel possesso di quote azionarie attraverso le quali si esprime una direzione unitaria volta a perseguire un interesse comune, interesse superiore a quello conseguibile dalle imprese se considerata separatamente”. 2 In seguito verrà trattato del Transfer Price come fenomeno elusivo e non come fenomeno evasivo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Lamanna Contatta »

Composta da 256 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5250 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.