Skip to content

Schemi compositivi nella progettazione architettonica a Catania ad inizio '900

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Russo
  Tipo: Tesi di Dottorato
  Anno: 2003
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Dottorato XV ciclo
  Corso: Dottorato XV ciclo
  Relatore: Salvatore Barbera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

Questa ricerca si propone di analizzare i risultati di un processo edilizio caratterizzato nei primi decenni del ‘900 da una ricerca stilistica di nuovi stimoli mediante varie esperienze ed esperimenti formali, e che si è risolto intorno agli anni ’30 con la graduale affermazione del razionalismo. La produzione edilizia a Catania in quegli anni, fortemente in crescita malgrado le guerre e caratterizzata dal forte impulso dettato della classe imprenditoriale, rappresenta lo specchio della grave crisi progettuale e compositiva dell’architettura di inizio secolo. Si tratta del trentennio che vede il diffondersi di varie tendenze e correnti artistiche che invadono il campo della grafica, dell’arredo e di altre arti applicate assumendo quei caratteri costanti che giustificano l’attribuzione di “stile” a questo movimento. In Europa esplode l’Art Nouveau, che in Italia diventa più diffusamente “Arte nuova”, e le botteghe d’arte, i vetrai, i falegnami, gli intagliatori di pietre ed i maestri della ceramica si trovano ad interpretare tutti la medesima tendenza in una nuova straordinaria reinterpretazione degli elementi primordiali dell’arte: la curva e la linea. I riferimenti eclettici ad altri stili più antichi sono evidenti, dal gotico all’orientale, ma malgrado ciò il movimento dell’ ”arte nuova”, conosciuta con altre etichette come quella di stile “liberty”, trova in Italia terreno particolarmente fertile e riesce sin dal primo decennio del secolo a conquistare il gusto del popolo che vede in esso un duplice significato: da un lato una straordinaria alternativa all’asettica austerità formale imposta dal regime fascista e dall’altro l’affermazione di un linguaggio che, in quanto figurativamente “nuovo”, ambiva ad essere riconosciuto ben presto come sinonimo di “moderno”.
Ciò premesso, alla luce dello stato attuale degli studi condotti sul periodo in questione, rimangono ancora alcuni quesiti tuttora irrisolti:
- in che modo tali espressioni artistiche riescono a caratterizzare anche l’architettura ?
- quali sono i rapporti tra le arti figurative e la progettazione architettonica in quegli anni?
- riesce l’orientamento stilistico del liberty ed dei suoi derivati a caratterizzare il progetto architettonico inteso nella sua completezza volumetrico-spaziale o essi ritagliano una propria autonomia di linguaggio solo nella decorazione superficiale degli edifici?
- quali sono le tappe che scandiscono il passaggio dalle manifestazioni più colorite del movimento moderno al funzionalismo razionale scevro di decori ed abbellimenti corticali?
Sono questi alcuni interrogativi ai quali si cercherà di dare risposta sulla scorta di una indagine limitata alla esperienza catanese che fornisce un panorama abbastanza ampio ed eterogeneo per arricchire il quadro generale di tasselli importanti.
Le esperienze architettoniche sviluppate nel periodo di transizione in oggetto, che investe tutto il territorio nazionale, lasciano un segno indelebile nell’ambito catanese a livello sia urbano che architettonico. Anche a Catania infatti è possibile riscontrare nella produzione edilizia di quegli anni un gran numero di approcci diversi alla progettazione architettonica; taluni privi di ogni enfasi innovativa e rivolti agli schemi compositivi tradizionali, altri più coraggiosi nell’imporre ai prospetti un nuovo volto, arricchito da nuovi linguaggi ed alleggerito delle rigide impostazioni ottocentesche, altri ancora frutto dei più variegati compromessi derivanti dall’utilizzo di singoli elementi decorativi bidimensionali tratti dalle arti figurative e tradotti in architettura con procedure di estrusione talvolta geniali ma nella maggior parte dei casi meramente posticce.
Nell’ambito catanese, solo pochi progettisti di rilievo acquisiscono piena consapevolezza di questa crisi compositiva: i più noti ed i più attivi sono indubbiamente Francesco Fichera, studioso e uomo di cultura, che ne fa cenno in numerosi suoi scritti augurandosi che l’Arte Nuova possa trovare col tempo una maggiore coerenza concettuale ed estetico-funzionale, e Paolo Lanzerotti, straordinario professionista dell’edilizia, che ne avverte la gravità e la risolve in modo del tutto personale fornendosi una rigida auto-regolamentazione compositiva riconoscibile in tutta la sua produzione. A parte qualche altra rara eccezione, la maggior parte dei progettisti non riesce a comprendere l’importanza del proprio ruolo e le scelte progettuali sono spesso frutto di numerosi compromessi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
                                                          −                                                                                                                                                           !                                                           "  # $      %  &   '(   %    )  #'  $ "                                                     *   %          )               +     $  $        # ",$-  %                                  *                  .                    #   $"    "        #  $  +                               * −                        /   -  %     "        0            !  '  ", ",

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

catania
art nouveau
progettazione architettonica
architettura liberty
art déco
architettura modernista
francesco fichera
paolo lanzerotti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi