Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodi di simulazione storica per il calcolo del KiloVaR

Viene data una definizione di rischio di mercato e la sua gestione tramite una definizione di VaR (Value at Risk). Nella seconda parte è illustato il modo di operare della banca online TradingLab, gruppo Unicredito e del KiloVaR. Vengono illustrati i metodi di simulazione storica classica e filtrata (Barone-Adesi) per il calcolo del KiloVaR. Entrambi i metodi sono sottoposti ad una procedura di backtesting. Analisi dei risultati.

Mostra/Nascondi contenuto.
IV INTRODUZIONE Questi ultimi anni sono stati caratterizzati da un profondo sviluppo dei mercati e, di conseguenza, da un’evoluzione dell’attività svolta dagli intermediari finanziari. In primo luogo, ci sono stati significativi cambiamenti tecnologici: nuovi sistemi di contrattazione consentono di operare in tempo reale e con maggiore efficienza e rapidità sui mercati globalizzati. In secondo luogo, nuove esigenze sono state avvertite dagli operatori che hanno cambiato il modo di fare banca, ampliando il loro campo d’azione, oltre alle classiche attività di raccolta del risparmio o concessione di prestiti, verso un’attività di erogazione di servizi anche attraverso canali non tradizionali, come internet. Grazie a questi ultimi, gli istituti finanziari possono offrire nuove forme di investimento, raggiungendo così direttamente l’investitore privato, senza l’intermediazione di consulenti. L’alta competitività e l’alta concorrenza, accentuate dal fenomeno della globalizzazione e dalla successiva deregolamentazione dei mercati, hanno indotto gli istituti finanziari a focalizzare la propria attenzione sull’eventualità negativa di subire una perdita, vale a dire sul rischio di mercato. I grandi colossi bancari d’oltreoceano sono stati i primi che hanno avvertito il problema di questo tipo di rischio ed hanno indirizzato il loro management verso la ricerca di nuovi modelli di misurazione del rischio volti a favorire una stima non solo di una singola esposizione, ma anche dell’intero portafoglio finanziario. In particolare la J.P. Morgan Bank ha elaborato nel 1994 il concetto di Value at Risk (VaR) come misura del rischio di mercato. Il VaR è una misura statistica che individua la massima perdita potenziale di un portafoglio dovuta ai movimenti avversi del

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Soldesti Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1966 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.