Skip to content

Il sindacato dei giornalisti: origini e storia della Fnsi dal 1908 al 1943

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Massi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Francesco Malgeri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

Il mio lavoro tenta di ricostruire le vicende della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, sindacato unitario dei giornalisti, nell'arco di tempo che va dalla sua nascita, nel febbraio 1908, alla caduta del fascismo, nel luglio 1943. Una storia scritta da personalità note (Albertini, Bergamini, Barzilai) e meno note del giornalismo, ma soprattutto dall'azione sindacale paziente e silenziosa di tanti giornalisti italiani di inizio '900, mossi da un ideale comune: riconoscersi e lottare insieme in una stessa struttura, a difesa delle loro condizioni economiche e sociali. La storia della Fnsi è inscritta nella storia, più importante e più decisiva, del Paese: la cornice storica è - per forza di cose - appena delineata, ma vi si possono intravedere i momenti cruciali: la battaglia per la libertà di stampa contro i governi repressivi Di Rudinì e Pelloux, a fine '800; le divisioni politiche nel mondo dell'informazione in vista della prima guerra mondiale; l'opposizione al regime fascista nel '24-'25 (Mussolini, giornalista, abolirà la Fnsi riconducendo il giornalismo nell'alveo del sindacalismo fascista); la tragedia della seconda guerra mondiale in alleanza col nazismo. Ho voluto descrivere il lungo cammino della categoria professionale dei giornalisti alla conquista del contratto di lavoro, delle ferie, della clausola di coscienza, delle indennità, del trattamento di fine rapporto. Ma anche dei riconoscimenti normativi che sono tuttora alla base della professione: l'autonomia e la ''libertà di informazione e di critica'', che pur nel rispetto dei limiti della legge, sono a garanzia del cittadino-lettore-ascoltatore per un'informazione libera e imparziale. La tesi si conclude con un'intervista a Giancarlo Tartaglia, attuale direttore della Fnsi, in un delicato momento di cambiamento e trasformazione delle esigenze dei giornalisti italiani, dovuto anche all'introduzione delle nuove tecnologie nel panorama dell'informazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro costituisce un tentativo di ricostruire le vicende della Federazione della stampa italiana, organo unitario di azione sindacale dei giornalisti, nell'arco di tempo che va dalla sua nascita, nel febbraio del 1908, alla caduta del fascismo, nel luglio 1943. Perché questa delimitazione temporale? lnnanzitutto perché sarebbe stato troppo ambizioso e oneroso scrivere una storia completa della Fnsi fino ai giorni nostri, almeno per quello che può essere l'argomento di una tesi di laurea. In secondo luogo, perche ci sembra che il periodo indicato sia, dal punto di vista storico e politico, più ricco, movimentato e controverso della storia "repubblicana" della federazione, che dal '43 giunge ai giorni nostri. Se da un lato si poteva porre il limite della ricerca ad una data simbolo, il 25 luglio 1943, che fa da spartiacque tra due periodi così complessi della storia d'Italia (e quindi della Fnsi), dall'altro non sarebbe stato possibile iniziare ad occuparsi della Federazione semplicemente a partire dalla data della sua costituzione, ne11908. E' per questo che il lavoro svolto si apre con una parte relativamente lunga che dà conto delle origini del sindacato dei giornalisti: dal fenomeno associativo che si sviluppa in maniera crescente dal 1877, con la creazione dell'associazione stampa periodica di Roma; fino alla nascita della Federstampa. Allo stesso modo non si poteva prescindere dal gettare rapidi cenni al panorama giornalistico di ciascuna

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

federazione nazionale della stampa italiana
fnsi
giornali
giornalismo
giornalisti
sindacato
sindacato dei giornalisti
storia del giornalismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi