Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Imprenditore agrituristico e fallimento

L'imprenditore agrituristico, in quanto imprenditore agricolo, non è soggetto, in caso di insolvenza, al fallimento e alle altre procedure concorsuali. La tesi, dopo aver affrontato lo studio dell'agriturismo sotto l'aspetto giuridico, individua i limiti superati i quali l'imprenditore agrituristico diventa imprenditore commerciale e quindi diventa sottoponibile alle procedure concorsuali.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La legge 5 dicembre 1985, n. 730, disciplina dell'agriturismo, definisce e regolamenta una attività che da tempo era praticata nelle campagne senza che fosse stata in precedenza emanata una adeguata disciplina legislativa. L'agriturismo è una attività di ricezione e di ospitalità svolta in ambiente rurale che si caratterizza per essere praticata in una azienda agricola funzionante. Questa peculiarità permette di distinguere l'agriturismo da altre attività di turismo praticate nelle campagne. In particolare sta emergendo una definizione di turismo rurale che non si identifica più in una generica attività turistica svolta in ambiente agricolo ma che si identifica con le forme di accoglienza e di ricettività che utilizzano le risorse esistenti, naturali ed edilizie secondo le vocazioni loro proprie. In una legge regionale il turismo rurale è stato definito come "una specifica articolazione dell'offerta turistica composta da un complesso di attività che può comprendere ospitalità, ristorazione, attività sportive, del tempo libero e di servizio, finalizzate alla corretta fruizione dei beni naturalistici, ambientali e culturali del territorio rurale" 1 . L'agriturismo, come è attualmente inteso, è nato in Europa. Si ritiene che il motivo della nascita dell'agriturismo sia spiegabile "con la scarsa idoneità alla balneazione dei mari dell'Europa settentrionale, con la scarsità - se non addirittura mancanza - di monti di alcuni paesi, e anche con la 1 La definizione di turismo rurale è quella fornita dall'art. 20 della legge regionale Emilia Romagna 28 giugno 1994, n. 26, che è poi stata ripresa da altre leggi regionali, quali quella della regione Marche 18 ottobre 1999, n. 27, art. 24. A livello nazionale manca una definizione giuridica di turismo rurale. E' importante notare la differenza di regime giuridico fra l'agriturismo che è una attività agricola, e quelle di turismo rurale che sono attività commerciali.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Camplani Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3768 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.