Skip to content

L'Istria e la minoranza italiana nella crisi jugoslava

Informazioni tesi

  Autore: Sabina Anderini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1993-94
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Armando Pitassio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

Dopo la II Guerra Mondiale e il massiccio esodo che sconvolse totalmente l'equilibrio etnico della penisola istriana, la componente italiana si ritrovò a costituire una piccola percentuale della popolazione nella regione e una delle tante minoranze all'interno della Federazione jugoslava. È, dunque, dalla fine della II Guerra Mondiale che iniziano i problemi della componente italiana in Istria: la sua assimilazione progressiva, l'emarginazione dalla vita sociale e politica, il suo senso di sradicamento, quel sentirsi stranieri in patria. Dopo i cupi anni '70 e '80, quando si temeva per sopravvivenza della comunità italiana in Istria, la crisi jugoslava prima e la guerra poi hanno rischiato di aggravare ulteriormente una situazione già precaria, mettendo a repentaglio l'esistenza di questa minoranza.
Proprio in una fase così delicata della sua evoluzione abbiamo deciso di occuparcene per vedere quali sono i suoi problemi, i suoi progetti e le prospettive, i suoi sogni e le sue paure. Tutte le problematiche e le vicende della minoranza italiana sono state ripercorse e ricostruite soprattutto attraverso ''La Voce del Popolo'', il quotidiano della minoranza stampato a Fiume.
Sebbene la dissoluzione della Repubblica Socialista Federativa Jugoslava non sembri avere favorito la minoranza italiana, pare che si possa fare un bilancio positivo sulla ''salute'' del gruppo etnico italiano. Infatti, a più di tre anni dall'indipendenza di Slovenia e Croazia e la conseguente divisione della nostra minoranza in due stati, i problemi da risolvere rimangono sicuramente ancora molti e lunga è la strada che i nuovi stati dovranno percorrere per assicurare un'adeguata tutela alla loro minoranza. Tuttavia, attraverso il Gruppo '88, attraverso un profondo dibattito all'interno delle strutture dirigenziali della minoranza e la riforma dell'UIIF, si è giunti ad una vera e propria rinascita, non solo numerica, della minoranza italiana, com'è testimoniato dal censimento del 1991. Coloro che si sono dichiarati di nazionalità italiana all'ultimo censimento, infatti, sono circa 25.000 e combattono tenacemente per l'affermazione dei loro diritti.
Nell'ambito della difesa e dello sviluppo della minoranza italiana, la nostra attenzione è stata altresì rivolta a mettere in evidenza l'emergere di un forte movimento regionalistico istriano, che rappresenta una risposta alla forte crisi politica ed economica della Federazione, ma affonda anche le radici in quell'intreccio secolare di popoli e culture che ha fatto dell'Istria il simbolo di una regione di frontiera. Alfiere di questo spirito regionalistico sarà la Dieta Democratica Istriana emersa dal contesto di preoccupazioni e di aperture pluralistiche della società jugoslava. Ma non solo questo partito parlerà di regionalismo e di cultura istriana, lo faranno un po' tutte le nuove forze che si affermeranno soprattutto dopo la vittoria di Tudjman.
L'Istria diventerà, così, la roccaforte di difesa contro tutti i nazionalismi e, in particolare, di lotta contro il rinato nazionalismo croato.
Questa regione diventerà anche il simbolo di una cultura di pace e convivenza all'interno della Jugoslavia in preda ai più feroci contrasti etnici. Una terra che si eleverà al di sopra della Jugoslavia per inserirsi nel contesto europeo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE L'Istria deve il suo nome alla leggenda che faceva sboccare in questa regione uno dei rami dell'Istro, l'antico nome che si attribuiva al Danubio nella parte inferiore del suo corso. A causa della posizione strategica della penisola, che si affaccia sull'Adriatico e occupa una posizione centrale nel continente europeo, l'Istria fu ambita preda di molti. Le zone costiere furono conquistate, nel 183 a.C., dai Romani che successivamente incorporarono nei loro domini l'intera regione facendola parte integrante dell'Italia. Caduto l'Impero Romano, l'Istria dopo varie dominazioni, passò nel 1291 sotto il controllo di Venezia, tranne la parte interna nord- orientale, la Contea arciducale di Pisino, che venne a far parte dei domini della Casa d'Austria. Nel corso di questi lunghi secoli la struttura compositiva della popolazione istriana subì forti mutamenti: il gruppo etnico-linguistico latinizzato venne affiancato da quello slavo, che poi si differenziò tra Sloveni e Croati. Nel 1797, con il Trattato di Campoformio, l'Istria fu ceduta da Napoleone all'Austria; passata poi nel 1805 alla Francia, entrò a far parte delle Provincie Illiriche, un esperimento che durò sino al 1815, quando l'intera regione venne assegnata all'Impero d'Austria. Alla fine della Prima Guerra Mondiale e dopo la dissoluzione dell'Impero

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fiume
istria
quarnero
storia contemporanea
storia dell'europa orientale
guerre jugoslave
comunità italiana in istria
massacri delle foibe
questione triestina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi