Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto di pubblico impiego dopo la privatizzazione

Il rapporto di pubblico impiego dopo la privatizzazione: dalla formazione alla cessazione del rapporto con cenni storici.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il presente lavoro, che conclude il Corso di Laurea in Giurisprudenza, è nato dalla necessità di capire meglio e di approfondire le tematiche tipiche del rapporto di pubblico impiego dopo la privatizzazione. La scelta è motivata anche dal fatto che, dopo alcune esperienze a tempo determinato nelle Università di Bologna, Milano e Parma, dal novembre del 2001 svolgo, a tempo indeterminato, le mansioni della categoria C, posizione economica C2, area amministrativa presso il Dipartimento di Scienze del Linguaggio e della Cultura dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Certe problematiche trattate in questa tesi di laurea, come i diritti e i doveri con le rispettive responsabilità degli impiegati pubblici, sono di costante attualità nel mio lavoro quotidiano. La contrattualizzazione del rapporto di pubblico impiego, operata dal legislatore agli inizi degli anni ‘90, ha completamente innovato il modo di operare per garantire maggiore efficienza ed economicità all’agire dei pubblici poteri. Il primo capitolo presenta un excursus storico del rapporto di lavoro nelle pubbliche amministrazioni dalle origini fino ai giorni nostri con rilievi critici ed osservazioni dottrinali e giurisprudenziali. In particolare mi sono soffermato sulla riforma portata dalla privatizzazione nei suoi diversi momenti sino al d. lgs. 165/2001 attualmente in vigore.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fabio Grossi Contatta »

Composta da 261 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17182 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 62 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.