Skip to content

Analisi economico gestionale di un sistema di e-learning: modelli simulativi

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Perich
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Ingegneria Economico Gestionale
Anno: 2003
Docente/Relatore: Agostino La Bella
Istituito da: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Dipartimento: Dipartimento Informatica e Sistemi di Produzione
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 302

Il life long learning è molto più che una forma di apprendimento, è uno stato mentale che vede l’uomo come attore principale nel processo di aggiornamento e sviluppo continuo delle proprie competenze. Un tale ottica si sta rapidamente diffondendo nelle imprese leader, tanto da imporsi come necessità per il successo del loro business; ciò impone considerevoli investimenti di cui però difficilmente si possono stimarne i benefici. I decision makers pertanto devono ponderare accuratamente la destinazione del budget in formazione, ricercando un compromesso tra la soluzione più efficiente e quella più efficace. La soluzione sembrava venisse dall’e-learning, a cui comunemente si associa un vantaggio economico in condizioni di ripetitività degli interventi formativi e di aumento del numero dei formandi, tuttavia molti casi sulle soft skills hanno sfatato questo mito ed hanno dimostrato che l’e-learning non sempre è una soluzione percorribile.
Il problema può essere affrontato da diversi punti di vista: didattico, progettuale, tecnologico, strategico, economico, gestionale ognuno dei quali enfatizza su aspetti diversi. In tal senso, il nostro interesse si è orientato su un approccio di tipo pragmatico, rivolto agli executives, con l’obiettivo, seppur ambizioso, di illustrare, attraverso un modello empirico, le implicazioni di costing di una possibile scelta formativa.
La prima parte si incentra sull’individuazione delle così dette variabili chiave (vc) di un sistema e-learning, quelle cioè determinanti ai fini di una scelta tra lo stesso ed un sistema tradizionale. I nostri studi le hanno ricondotte alle aspettative di utilizzo del sistema e-learning: riduzione dei costi di formazione, maggiore accessibilità formativa e propensione all’e-culture. Le reciproche relazioni di causa-effetto tra le tre variabili ci hanno poi suggerito la realizzazione di un modello tridimensionale che abbiamo denominato “le sinergie organizzative di un sistema e-learning”, grazie a cui il decisore è in grado di comprendere la propensione dell’organizzazione verso l’una o l’altra modalità formativa.
Individuata la soluzione formativa, siamo passati allo studio di fattibilità (seconda parte), intesa come la sostenibilità economico finanziaria dell’investimento alla luce di importanti considerazioni sull’efficienza (massimo risultato e minimo costo) e sull’efficacia (raggiungimento degli obiettivi). Visto il duplice obiettivo abbiamo adottato due diverse metodologie: una per la rilevazione dei costi del sistema di e-learning ed un’altra, per inverso, in grado di misurare l’allontanamento dagli obiettivi (analisi del rischio). Per il calcolo dei costi del sistema abbiamo adottato una particolare forma di ABC (Activity Based Costing), detta TCM (Technology Costing Methodology), di cui esistono molte versioni – la più nota è quella del WCET –. Il nostro approccio a tali metodologie però è stato in chiave critica: non concordiamo sulla teoria della “no significant difference” (Russell) – essa attribuisce a tutte le forme di distance learning la medesima efficacia formativa di una modalità in presenza – che nello specifico non tiene conto delle ripercussioni sul lato economico (non solo) circa l’utilizzo di una soluzione formativa ritenuta più o meno efficace. Per questi motivi abbiamo pensato di introdurre un’analisi del rischio di costo di un progetto e-learning, in cui sottolineiamo gli aspetti che secondo noi influenzano l’efficacia formativa, dunque una “significant difference”. Il modello del rischio misura quali siano le possibilità di allontanamento dalle stime fatte in fase di pianificazione degli investimenti, utilizzando alcuni fattori di rischio che caratterizzano le aree funzionali di un sistema di e-learning:
- Area Utenza: Tutorship, Teaching, Maturità, Scheduling, Disponiblità, Flessibilità;
- Area Tecnologica: Strutturabilità, Multimedialità, Usabilità, Riusabilità, Qualità;
- Area dei Contenuti: Manutenibilità, Espansibilità, Funzionalità, Connettività;
- Area dei Servizi: Expertise, Motivazione, Community, Sponsorship, E-Culture.
Si completa così il modello proposto, il quale termina con una breve elencazione degli atteggiamenti culturali, che nonostante la correttezza delle analisi (economico o progettuali), potrebbero comunque pregiudicare il successo di un progetto di e-learning.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo 1 LE SINERGIE ORGANIZZATIVE DI UN SISTEMA DI E-LEARNING: REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI SVILUPPO. 1. Una teoria formativa nata dal mercato Nella cosiddetta detta knowledge economy il capitale umano è senza dubbio un elemento determinante nell’impresa, poiché dal suo impiego e dalla sua valorizzazione può dipendere il successo o il fallimento di qualunque tipo di business. Come sostiene il premio Nobel Gary Becker: “il valore del capitale umano di un'azienda assume un valore strategico ed il Knowledge Management ne diventa l'asset principale ed essenziale”. La formazione, che in primis contribuisce alla creazione delle skills e del know how richiesto, assume un ruolo da protagonista nella strategia di un’azienda. Sono sempre di più, infatti, le aziende che aumentano il bugdet destinato alla formazione e secondo le previsioni di alcune note società di consulenza, tale budget è destinato ad aumentare sensibilmente nei prossimi anni. I motivi di quest’incremento sono molteplici. Volendo identificare quelli più significativi, ne indicheremo tre: la dinamicità del business, la globalizzazione dei mercati e l’utilizzo di strumenti di ICT 1 . Con l’incalzare di questi fattori le esigenze delle imprese sono aumentate ed hanno richiesto delle modifiche sostanziali nell’ambito formativo. Se in passato la formazione tradizionale era in grado di soddisfare determinate richieste e di raggiungere gli obiettivi prefissati, al giorno d’oggi, essendo mutato lo scenario in cui si opera (globalizzazione), gli obiettivi aziendali (dinamismo) e gli stessi strumenti con cui si opera (strumenti ICT), la formazione non può essere più la stessa, ma ha bisogno di un'apposita revisione. La soluzione si è ricercata 1 Su questi tre fattori la letteratura economica ha fornito un ampio contributo, ma per una trattazione esaustiva degli argomenti si rimanda altri testi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi