Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Controllo di gestione e risk management nelle imprese di trasporto aereo. Il caso Gandalf

La tesi parte con un'analisi del settore aereo da un punto di vista macroeconomico e normativo per arrivare a concentrare l'attenzione sugli aspetti di costo e di rischio principali che riguardano le compagnie aeree. Il lavoro prosegue identificando tali costi e tali rischi e suggerendo le vie teoriche più in uso per ottenere un corretto controllo dei costi e un accorto monitoraggio dei rischi sia puri che finanziari.
La tesi si conclude con l'osservazione di un caso pratico, che mostra come, nella realtà multiforme del settore aereo, siano applicate le strategie teoriche per controllare le variabili di costo e di rischio.

Mostra/Nascondi contenuto.
III Introduzione Negli ultimi anni, il mondo del trasporto aereo ha completamente modificato il proprio aspetto. A provocare questo cambiamento è stata la deregolamentazione del settore che ha abbattuto tutte quelle barriere (relative all’ accesso al mercato, tariffe e capacità) che da sempre avevano assicurato alle poche grandi compagnie operanti (tutte di proprietà pubblica) un monopolio territoriale nell’ erogazione dei servizi. Un monopolio che aveva consentito alle imprese di tralasciare qualsiasi orientamento alla efficienza e, ancor di più, all’ efficacia. Qualsiasi spreco di risorse poteva essere tranquillamente sanato con i sussidi governativi; qualsiasi inefficacia non era penalizzata dal mercato per mancanza di valide alternative. La stabilità della quota di mercato era l’ interesse principale di tutti gli operatori e si evitava scrupolosamente qualsiasi azione che potesse in qualche modo minacciarla. Lo stesso pricing era sempre accuratamente cooperativo, anche quando gli eccessi di capacità produttiva avrebbero giustificato azioni più incisive e stravolgimenti di scenari. La differenziazione si limitava all’ impiego di aerei tecnologicamente sempre più evoluti, mentre alla qualità del processo di erogazione era attribuita ben poca importanza. Nessuno voleva, ma neanche poteva (per effetto degli accordi bilaterali), sottrarre passeggeri ai concorrenti. Da quando le barriere legali alla libertà di concorrenza sono state sradicate, tutto questo è cambiato. Nei cieli aperti europei sono comparse compagnie capaci di servire mercati in precedenza esclusi dal servizio per gli alti prezzi praticati, sottrarre passeggeri alle

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative

Autore: Simone Dalledonne Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5225 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.