Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La revocatoria fallimentare ed il pagamento del terzo

Il tema della revocabilità del pagamento effettuato dal «terzo», nell’ipotesi di dichiarazione di fallimento, oltre a suscitare un particolare interesse per chi si avvicini allo studio delle materie giuridiche, si impone ancora oggi all’attenzione della dottrina e della giurisprudenza attraverso accesi contrasti. In questo lavoro verranno esaminate le problematiche che da esso hanno avuto origine, muovendo, nel primo capitolo, da considerazioni di carattere generale in ordine alla disciplina dell’azione revocatoria (ordinaria e fallimentare), per poi individuare, nel secondo capitolo, i presupposti per la revocabilità del pagamento del terzo e le ragioni di fondo che lo caratterizzano. Il terzo capitolo invece tratterà del pagamento eseguito mediante rimessa su conto corrente, con particolare riferimento a quello effettuato in adempimento di un’obbligazione di garanzia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO PRIMO L’AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE 1. La reintegrazione della garanzia patrimoniale: disciplina ordinaria e disciplina fallimentare - L’imprenditore commerciale che si trovi in condizioni di disagio economico, per poter superare tali difficoltà, spesso compie atti di disposizione del proprio patrimonio che vengono in tal modo a privare, in favore di uno o di pochi, i restanti creditori della garanzia rappresentata dal complesso dei beni del debitore. Infatti, su tali beni e sulla solvibilità del debitore facevano affidamento i creditori al momento in cui hanno concesso il loro credito. L’esigenza del ristabilimento della garanzia patrimoniale diventa, allora, il problema centrale del fallimento e ne rappresenta strumento di reintegrazione la inefficacia dell’atto nei confronti dei creditori, che opera talora automaticamente per effetto della dichiarazione di fallimento, altre volte a seguito di una pronuncia giudiziale di revoca. La conseguenza sia degli atti inefficaci ex lege, sia degli atti revocati è il recupero dei beni indebitamente usciti dal patrimonio del debitore.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Rosario Marangio Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11475 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.