Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una nuova via all'innovazione: creare e gestire la conoscenza grazie al knowledge management

Questo lavoro realizza un'analisi ad ampio raggio del Knowledge Management, delle sue premesse teoriche e delle sue implicazioni gestionali. Ad una trattazione centrata sui processi di creazione di conoscenza e sulla sua gestione in azienda, fa da contrappeso una parte di tre casi aziendali che riguardano implementazioni di interventi di knowledge management.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 1.INTRODUZIONE L’argomento della conoscenza è certo uno dei più interessanti e complessi della letteratura aziendale, per la vastità delle implicazioni e per la sua trasversalità disciplinare. Personalmente sono rimasto affascinato dalle prospettive che gli studi che ho compiuto in preparazione a questo lavoro lasciano intravedere. Essendo uscito da un Liceo Classico, il problema della conoscenza non mi era certo nuovo, basti pensare all’importanza della tradizione epistemologica e gnoseologica nella filosofia occidentale. Eppure, anche con un bagaglio di esperienze “classiche”, mi è parso quantomeno insolito e, non lo nascondo, in buona parte inapplicabile una filosofia aziendale improntata alla conoscenza, forse per il diffuso luogo comune che vede nell’azienda il luogo della “macchina” e dei numeri ma anche per le difficoltà che credevo esistere nell’applicare concetti che spesso rasentano la dialettica filosofica a realtà concrete quali le aziende. E in effetti le difficoltà nell’applicazione di queste teorie alla prassi esistono, ancora oggi (nonostante il successo di lavori come quello di Nonaka e Takeuchi, serie teorie quali l’apprendimento organizzativo e comunque tutto un filone di pensiero organizzativo di stampo umanistico risalente a Mayo e quindi alla fine della Seconda Guerra mondiale). È vero infatti che a volte gli interventi di gestione della conoscenza non hanno soddisfatto le aspettative, ma questo è riconducibile, ne sono convinto, alle difficoltà per le imprese di capire cosa sia il Knowledge Management, prima di applicarlo. Quello che è certo è che il discorso sulla gestione della conoscenza non è più posticipabile oggi, in un contesto di globalizzazione in cui la competizione diviene sempre più accesa, le condizioni economiche incerte e i mercati turbolenti e rapidamente saturi; l’unica vera risposta attiva e proattiva ad un ambiente del genere è l’innovazione, cioè la capacità di una azienda di creare nuovi prodotti, nuovi servizi, nuovi mercati attraverso la creazione di nuove competenze o il miglioramento di quelle esistenti.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luca Setti Contatta »

Composta da 248 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5556 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.