Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Romanzo e parodia nel Settecento. Tra Don Chisciotte e la Pamela Vogue

Una puntualizzazione tecnica del concetto letterario di parodia. Una sua verifica sul campo d'indagine della letteratura settecentesca. Con particolare riferimento alle riscritture del "Don Chisciotte" di Cervantes e al più grande successo letterario del secolo: "Pamela" di Samuel Richardson.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I IL CONCETTO DI PARODIA E LA SUA STORIA 1) Una storia del termine parodia (con le dovute distinzioni) Gérard Genette, nel suo Palimpsestes, fornisce una fondamentale mappa per orientarsi nel complicato concetto di parodia 1 . Lo studioso francese, partendo dalle indagini strutturalistiche di Ferdinand de Saussure, cerca di fare pulizia nel confuso campo della terminologia critica relativa al concetto di transtestualità, ovvero tutte quelle pratiche letterarie che mettono in relazione un testo con altri testi. Pratiche che costituiscono gli innumerevoli scalini della labirintica torre di conoscenze che noi chiamiamo letteratura. Anzi, il meccanismo stesso che la produce, distinguendo la complessità strutturale e tematica di un’opera letteraria dalla semplice, quotidiana, attività dello scrivere. La differenza è in un effetto di significanza che va al di là del senso di valore, pratico e intellettuale, dei comuni, giornalieri, rituali di scrittura. 2) Dell’eroicomico Abbiamo detto come tra le prime testimonianze di genere parodico ci fosse stata la Batracomiomachia. Un breve componimento di trecentotre esametri a lungo attribuito a Omero, ma oggi generalmente ritenuto apocrifo (anche il silenzio di Aristotele nella Poetica può esserne un indizio). Datato intorno al VI a. C. e, nella forma che conosciamo, probabilmente rimaneggiato in età alessandrina. 1 Il titolo Palimpsestes contiene in sé, icasticamente, quello che sarà l’oggetto della nostra indagine. L’antico palinsesto era una pergamena sulla quale uno scritto veniva sovrapposto a un altro, senza che il secondo ne venisse completamente nascosto, ma risultasse ancora distinguibile in trasparenza.

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Lingue e Tradizioni Culturali Europee

Autore: Davide Magnisi Contatta »

Composta da 377 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5780 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.