Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Margaret Oliphant fra Autobiografia e Romanzo. L'impossibilità di raccontarsi.

Il trattamento delle emozioni negli scritti di Margaret Oliphant (1828-1897) è fastidioso e problematico. Da un analisi effettuata su due romanzi, Miss Marjoribanks e Kirsteen, si evince la difficoltà di Oliphant di trattare questo argomento tanto più nella Autobiography. Inserimento del problema delle emozioni e sentimenti nell'età vittoriana e studio del modello autobiografico di scrittura al femminile.Prendendo in esame il modo in cui tratta le emozioni come strumento
comparativo, si può notare come queste siano diversamente espresse quando la
scrittrice scrive il resoconto della sua vita reale e quando scrive il resoconto della
vita, da lei stessa creata, dei suoi personaggi.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE “Her success had been in its days as great as her activity, yet it always present to me that her singular gift was less recognised, or at any rate less reflected, less reported upon, than it deserved: unless indeed she may have been one of those difficult cases for criticism, an energy of which the spirit and the form, straggling apart, never join hands with that effect of union which in literature more than anywhere else is strength.” Henry James L’opera di Margaret Oliphant si contraddistingue per ricchezza e varietà. Durante l’arco della sua carriera letteraria si è confrontata con molti generi letterari, è stata una romanziera prolifica e di successo popolare. Ma tale abbondanza ed eterogeneità non giovarono tuttavia alla sua reputazione di scrittrice (sorte comune a molti scrittori). Nel corso della sua lunga carriera, che coprì quasi mezzo secolo, pubblicò un centinaio di romanzi, diversi racconti, biografie, letteratura da viaggio, innumerevoli articoli e recensioni per periodici prestigiosi, libri per l’infanzia, traduzioni e prosa di argomento religioso. Proprio a causa della quantità e varietà di testi prodotti spesso, in passato, i critici si sono sentiti autorizzati a classificarla come una scrittrice prezzolata. Trevor Royle in “Precipitous City” scrive: “[Oliphant] soon found that hack writing was a reasonable means of financial independence. From her house in Fetter Row [a Edimburgo] articles, biographies, novels, and reviews flowed from her pen,

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Caterina Feroci Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2320 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.