Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Didattica On-Line: La Danza in Digitale. Immagini e Vettorializzazione Video

La tesi descrive come è stato progettato il sito internet “DanzaInDigitale”, supporto per i ballerini e coreografi interessati all’insegnamento e all’apprendimento della Modern Dance; nulla che sostituisca il lavoro in sala da ballo, ma qualcosa che risvegli memoria, intelletto, tecnica e intraprendenza.
Un altro motivo per il quale mi sono orientata alla relazione fra tecnologia e danza è che quest’ultima è un veicolo di comunicazione che raggiunge un pubblico senza confini linguistici o culturali, poiché si rivolge alla sensibilità istintiva che travalica la comprensione razionale come le reti telematiche divulgano il sapere ad una moltitudine di persone curiose e ricettive, così la danza unita alla tecnologia si rafforza, poiché sono due forti canali di informazione, che si arricchiscono l’una con l’altra e diventano uno strumento unico per l’educazione.
La trattazione inizia analizzando gli aspetti storici della danza fino ad arrivare ai giorni nostri, evidenziando come l’avvento tecnologico abbia stravolto il repertorio scenografico, coreografico e scolastico nell’ambito della danza.

La progettazione del sito chiama in causa un gran numero di discipline differenti: editoria multimediale, elaborazione d’immagini, teoria e tecniche dei nuovi media, psicologia percettiva, interazione uomo-macchina, informatica ecc.
L’espressione “architettura dell’informazione” definisce un’area di studio che si occupa della “costruzione di una struttura o dell’organizzazione dell’informazione”. “Sul web l’architettura dell’informazione è una combinazione dell’organizzazione del sito in categorie e della creazione di un’interfaccia per gestire quelle categorie” [Kimen 1999]. Questa disciplina riprende nozioni dalla tassonomia, dalle regole applicate per catalogare l’insieme dei saperi in gruppi discreti e gerarchici. Infatti “la classificazione sul web è uno strumento essenziale che permette agli utenti di navigare un sito in modo veloce ed efficiente” [Mc Govern 2001]. L’informazione visuale è un campo dove i webmaster hanno sperimentato diverse soluzioni, rischiando talvolta di trascurare la coerenza dell’aspetto visuale con gli scopi comunicativi del sito e le necessità dell’utente, elementi che secondo Jesse James Garrett sono alla base della progettazione dell’interfaccia utente [2000].

L’insegnamento della danza online divulga il sapere in modo molto più rapido e si rivolge ad un pubblico molto vasto. La combinazione fra Informatica e Modern Dance fa si che la tecnologia riaccenda una nuova visuale dell’arte della danza.
Gli strumenti tecnologici utilizzati per la cocretizzazione del progetto sono stati essenzialmente Macromedia Dreamweaver e Flash MX 2004, Wildform Flix Pro 3.2 e codice HTML. La vettorializzazione dei video e delle immagini, create dal software Wildform Flix Pro e rielaborate da Flash, restituiscono un prodotto del tutto pulito e stilizzato, per evidenziare la pura preparazione tecnica, senza interferire nell’animo dell’utente.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione INTRODUZIONE Ho cominciato ad occuparmi del rapporto fra danza e tecnologia nel 2001, quando ho iniziato ad insegnare danza. Cercavo nel Web notizie e video esplicativi riguardanti l’insegnamento della danza moderna per poter accrescere la mia conoscenza. Il materiale attualmente disponibile su Internet è moltissimo ma è quasi eclusivamente riferito alla danza classica. La maggior parte dei siti da me visitati è corredato dalla relativa terminologia tecnica appropriata, ma non compare alcun sussidio chiarificatore con immagini o video. Ciò che invece voglio proporre è un supporto per i ballerini e coreografi interessati all’insegnamento e all’apprendimento della Jazz Dance; nulla che sostituisca il lavoro in sala da ballo, “ma qualcosa che risvegli memoria, intelletto, tecnica e intraprendenza” 1 . Un altro motivo per il quale mi sono orientata alla relazione fra tecnologia e danza è che quest’ultima è un veicolo di comunicazione che raggiunge un pubblico senza confini linguistici o culturali, poiché si rivolge alla sensibilità istintiva che travalica la comprensione razionale. Come le reti telematiche divulgano il sapere ad una moltitudine di persone curiose e ricettive, così la danza unita alla tecnologia si rafforza, poiché sono due forti canali di informazione, che si arricchiscono l’uno con l’altro diventando uno strumento unico per l’educazione. 1 Elisa Vaccarino da “EURO.TECHNO.DANCE” tratto dal libro “La Scena Digitale. Nuovi media per la danza”, di Armando Menicacci ed Emanuele Quinz, Marsilio, Venezia 2001. 1 DIDATTICA ON-LINE: LA DANZA IN DIGITALE. IMMAGINI e VETTORIALIZZAZIONE VIDEO

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Laura Ferrari Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5344 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.