Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'arbitrato amministrato dalle Camere di Commercio

Questa tesi approfondisce il tema dell'esame dell' istituto arbitrale e delle procedure stragiudiziali, amministrate dalle camere di commercio.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. INTRODUZIONE Nell’attuale realtà italiana sono evidenti i segni della crisi della giustizia civile. Se le cause di tal stato di crisi sono molteplici, l’effetto più evidente dello stesso appare - senza dubbio - la dilatazione dei tempi nei quali si giunge alla definizione per mezzo della sentenza della controversia. L’eccessiva durata 1 dei processi civili incide non solo sugli interessi dei singoli cittadini, ma anche sull'intero sistema economico produttivo: imprese e consumatori risultano, infatti, parimenti danneggiati non riuscendo ad ottenere, in tempi brevi, una risposta certa in merito alle proprie posizioni contrattuali o alla tutela dei propri diritti. Inoltre, di fronte a costi 2 che potrebbero essere superiori anche ai benefici della eventuale sentenza 1 Un quadro sintetico dell’attuale stato di crisi della giustizia civile in Italia è fornito da G. VERDE, La giustizia italiana nel 2000, in Foro It., 2000, n. 5, pagg. 47 e ss. 2 R. CAPONI, L’arbitrato amministrato dalle Camere di commercio, in Riv. Arb., n. 4, 2000, pag. 665.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Manuele Roghi Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2037 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.