Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Elaborazioni e considerazioni sul problema affidabilità delle auto su dati inediti

L’argomento di questa tesi è un’analisi dei metodi e considerazioni utilizzati per misurare l’affidabilità delle auto.
Lo scopo di questa tesi è quello di approfondire la conoscenza del fenomeno “affidabilità” applicando ai dati disponibili una serie di strumenti statistici che consentono di far luce su alcuni problemi di merito. Il proponimento è quindi anche quello di capire come gli strumenti a disposizione mostrino diversi aspetti dello stesso fenomeno e come vadano interpretati i risultati ottenuti. Inoltre si cercherà di riflettere sul mutare dei risultati al mutare delle tecniche usate, spia di come gli esiti vadano letti congiuntamente alle avvertenze allegate per capire la loro portata.
La peculiarità consiste nell’avere utilizzato per quest’analisi dei dati assolutamente reali ed anche quantitativamente significativi.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1 - INTRODUZIONE L’argomento di questa tesi è un’analisi dei metodi e considerazioni sull’affidabilità delle auto, ossia di capire quante e quali informazioni fornire al consumatore perché questi sia orientato nella scelta di un’automobile. Per capire quale sia il ruolo dell’informazione per il consumatore occorre qualche cenno storico circa le teorie microeconomiche. Il consumatore teorizzato dalla concezione neoclassica conosce per ipotesi tutti i dati che gli consentono di arrivare alla decisione o dell’acquisto. Ogni produttore venderebbe al prezzo definito tra domanda e offerta e chi cercasse di praticare un prezzo più alto, non venderebbe più nulla, perché tutti i clienti se ne accorgerebbero e saprebbero procurarsi i prodotti a prezzo di mercato. Anche nel caso di prodotti con qualità differenziata sarebbero impossibili eventuali bidoni. Nessun produttore potrebbe vendere beni di bassa qualità a prezzi di alta perché l’assenza di asimmetrie informative lo renderebbe difficile. Se anche però riuscisse a farlo una volta, difficilmente rimarrebbe sul mercato, perché l’informazione sul suo comportamento scorretto di diffonderebbe istantaneamente e nessun compratore si rivolgerebbe più a lui. In questo contesto assume particolare importanza il ruolo delle “asimmetrie informative”: i produttori conoscono tutte informazioni necessarie per strutturare la loro offerta ma non altrettanto conoscono i consumatori per esercitare il loro potere con la domanda. Un’area informativa molto rilevante è quella relativa alla produzione di test comparativi sulla produzione di beni e servizi.

Diploma di Laurea

Facoltà: Scuola di Statistica

Autore: Sergio Toffetti Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1423 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.