Skip to content

Indymedia.org: la rete ''intelligente'' del mediattivismo globale?

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Scotti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Alberto Abruzzese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 315

Questa tesi si propone di indagare e valutare il potenziale democratico e “democratizzante” della rete Internet, in particolare rispetto alla sua utilizzazione nel campo della produzione di informazione d’attualità, in riferimento soprattutto a quei gruppi dei movimenti di base che fanno attivismo politico attraverso i new media, esercitando il cosiddetto media-attivismo. Case study della ricerca è Indymedia.org, un network mondiale di media indipendenti nato nel 1999 a Seattle (Stati Uniti) ed in seguito diffusosi in tutti i continenti attraverso circa cento nodi chiamati Indipendent Media Centers.
Tale network viene messo a confronto con il network di siti web della CNN al fine di far emergere le differenze e le specificità dei due modelli. Gli elementi su cui si basa tale confronto sono: a) i temi trattati dai due network e le capacità investigative; b) la proprietà e la gestione dei mezzi di produzione; c) l’organizzazione redazionale e i metodi del newsmaking.
I principali risultati emersi sono: a) Indymedia, dotandosi di una rete capace di arrivare in maniera capillare nei vari angoli del mondo, dà spazio ad argomenti che non trovano visibilità nell’informazione mainstream assegnando agli utenti la facoltà/possibilità di produrre in maniera semplice e diretta i propri contenuti; b) l’indipendenza economica del progetto non-proprietario di Indymedia garantisce una libertà di azione e di informazione difficilmente rintracciabile nelle fonti “ufficiali”; c) Indymedia non presenta una redazione di tipo tradizionale, ma organizza le proprie attività “produttive” e logistiche attraverso strumenti come mailing-list e chat: tali strumenti favoriscono una trasparenza dei processi ed un’orizzontalità dei rapporti (che hanno luogo nella “catena” del newsmaking) “anomali” rispetto a quanto accade nel modello mainstream. In particolare, per le sue caratteristiche di massima apertura, di orizzontalità e di adozione di metodi gestionali basati sui principi della democrazia diretta, Indymedia può essere paragonata ad un’attualizzazione del concetto di intelligenza collettiva.
Al di là dell’analisi comparata fra i suddetti attori comunicativi, l’ultimo capitolo della ricerca è dedicato all’open publishing (pubblicazione aperta), caratteristica peculiare di Indymedia: l’intero universo di utenti (ovvero chiunque si colleghi alla Rete) è messo nelle condizioni di poter contribuire direttamente alla produzione dei contenuti informativi, inviando le (proprie) notizie su uno dei numerosi siti del network, per vederle pubblicate in pochi secondi senza alcuna intermediazione. Inoltre, a sostegno dell’analisi teorica trova posto un’indagine empirica sul cosiddetto newswire, lo spazio dedicato alla pubblicazione aperta presente sul sito di Indymedia Italia; tale indagine rileva il livello di utilizzo del newswire nel tempo ed in particolare un suo uso crescente, indice di una crescente assimilazione nel tessuto sociale dei principi del mediattivismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione. L’incontro fra l’attivismo politico e sociale ed i new media inaugura un nuovo scenario della comunicazione in cui la qualifica di «soggetti “produttori” di informazione» si estende a numerosi gruppi appartenenti alla galassia del “movimento dei movimenti” 1 , i quali utilizzano una serie di strumenti tecno- comunicativi digitali a basso costo per predisporre le loro azioni politiche (avendo, da alcuni anni, il conflitto politico spostato il proprio baricentro dalla piazza ai media). La Rete – “integrata” dal PC e da altri dispositivi della microelettronica di consumo – si caratterizza come una risorsa potenzialmente a disposizione di chiunque, grazie alla quale (anche) soggetti dotati di scarse disponibilità economiche possono diventare attori comunicativi nel mediascape globale. Indymedia, network mondiale di media indipendenti è una manifestazione di queste dinamiche che hanno interessato il connubio fra le pratiche dell’attivismo e la sperimentazione di usi sociali dei media. Tale connubio viene espresso con il termine “media-attivismo”, che si riferisce in realtà ad una complessa serie di elementi tra cui i principali sono 2 : a) un fenomeno sociale e politico; b) un laboratorio di innovazione e sperimentazione di media; c) una pratica di comunic- azione indipendente; d) un territorio in cui sperimentare forme di autogestione orizzontale, metodi decisionali e modelli sociali plasmati secondo i principi della democrazia diretta. Come si intuisce dal termine, media-attivismo significa fare attivismo (politico, sociale, “culturale”) attraverso i media, diventare, farsi media da sé. All’interno di questa cornice, si è scelto di porre al centro della ricerca il “caso” Indymedia, un progetto no-profit nato nel novembre del ’99 a Seattle (USA) ed in seguito ampiamente diffusosi fino a raggiungere un’estensione mondiale attraverso i circa centodieci nodi “virtuali” chiamati Independent Media Centers. Indymedia rappresenta il case study (scelto per questa ricerca tra diverse alternative disponibili) dove poter analizzare un nuovo utilizzo della Rete, teso ad 1 La definizione è di Luca Casarini, leader del gruppo italiano dei “disobbedienti”. 2 Cfr., più avanti, il par. 4.3.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi