Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L' integrazione delle tecnologie informatiche nella didattica, un percorso fra testi, ipertesti, reti e sistemi intelligenti

Introduzione


L'obiettivo di questo lavoro è stato quello di tracciare un percorso attraverso lo sviluppo delle tecnologie della comunicazione partendo dall'invenzione della scrittura, fino alla creazione delle prime macchine per insegnare e ai più recenti sviluppi della telematica e di Internet, tenendo conto di quelle correnti e di quei sistemi che hanno avuto un ruolo determinante nelle varie fasi di questo sviluppo soprattutto da un punto di vista semiotico letterario.

L’elaborato è diviso in due parti: la prima parte (dalle incisioni su pietra agli ipertesti narrativi multimediali) presenta un quadro storico e socioculturale atto ad individuare le varie tappe dell’evoluzione delle tecnologie comunicative e i loro risvolti educativi, sociali ed economici, concentrando l’attenzione sulla scrittura ipertestuale (Cap.I).

La prospettiva che abbiamo adottato per l’analisi del medium ipertestuale nella prima parte è stata di stampo prevalentemente semiotico-letterario, rifacendoci necessariamente alla vasta e decennale tradizione post-struttutralista. Le citazioni e i numerosi riferimenti intertestuali a cui abbiamo fatto ricorso, sono serviti anche da conferma ad una idea che qui è stata sviluppata: ogni libro, anche quando su supporto cartaceo, è sempre un iperlibro che ruota e prende senso in rapporto ad una rete di conoscenze e riferimenti già accumulati.
In seguito ad una analisi generale delle istanze e delle novità strutturali che contraddistinguono gli ipertesti e li differenziano dai testi comuni (Cap.II), abbiamo concentrato la nostra attenzione su due ipertesti narrativi multimediali presenti in rete, Click Me di Jim Clarage e l’Hypertext Hotel della Brown University (Cap.III).
Sulla scorta della decennale tradizione post-strutturalista, basandoci sugli studi di autori importanti come R.Barthes, J.Derrida, U.Eco, M.Blonsky, abbiamo cercato di stemperare i facili entusiasmi postmoderni a cui l’hyperfiction spesso dà luogo.
Nel IV Capitolo la nostra attenzione si è spostata verso le implicazioni politiche e sociali derivanti dall’introduzione degli ipertesti e delle nuove tecnologie della comunicazione, in particolar modo delle reti di computer, nella società. Per ciò che attiene le implicazioni politiche e sociali sono stati contemporaneamente discussi i problemi più scottanti che riguardano la libertà di espressione, la censura, la privacy ed il copyright. Numerosi sono quindi i fattori propri dei nuovi media che non risultano più trattabili con le vecchie leggi che abbiamo esaminato. Infine, sempre nel IV capitolo, anticipando la presentazione di alcuni strumenti di comunicazione sincrona, abbiamo sollevato il problema dell’identità in rete.
Nella seconda parte della tesi (Intelligenza Artificiale, Telematica e Comunicazione in rete), alla luce delle considerazioni precedentemente svolte, sono stati esaminati in maniera sistematica e dettagliata i principali strumenti per la comunicazione e l’apprendimento che abbiamo ritenuto maggiormente rilevanti secondo una prospettiva didattica.
Nel V Capitolo si è parlato in maniera specifica dell’introduzione dell’informatica e della telematica in ambito didattico.
Nel VI Capitolo abbiamo messo a fuoco le principali modalità di utilizzo della telematica a supporto delle attività educative, attraverso un’ampia rassegna dei principali strumenti.
Nel VII Capitolo abbiamo sviluppato il discorso dell’applicazione dei metodi e delle tecniche dell’Intelligenza Artificiale in ambito didattico. Qui si è osservato come l'Intelligenza Artificiale possa giocare un ruolo di primo piano per proporre metodi nuovi di insegnamento e sviluppare strumenti concreti, atti a stimolare negli studenti la formazione di efficaci capacità di ragionamento e di soluzione di problemi.
I due “figli” dell’Intelligenza Artificiale su cui abbiamo concentrato la nostra attenzione per la loro particolare rilevanza didattica sono i Sistemi Esperti e i cosiddetti Intelligent Tutoring Systems.
Nel Capitolo VIII abbiamo infine passato in rassegna quanto è stato fatto fino ad ora da parte del governo Italiano e dei principali paesi Europei in direzione dell’integrazione delle tecnologie informatiche nella scuola.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L'obiettivo di questo lavoro è stato quello di tracciare un percorso attraverso lo sviluppo delle tecnologie della comunicazione, esaminando contemporaneamente il ruolo che queste possono giocare nell’istruzione e i cambiamenti, in positivo e in negativo, che hanno prodotto nel corso del tempo. Oggi infatti dei mezzi di comunicazione e della loro ricaduta educativa, è possibile tracciare, relativamente a quanto è accaduto nelle epoche passate, un quadro piuttosto stabile e supportato da consolidati studi e riflessioni; si possono altresì sottolineare gli aspetti salienti del presente. Facendo tesoro di tutte queste esperienze si può infine delineare lo scenario che ci attende in futuro per poi trarne, pur con la dovuta cautela ed approssimazione, suggerimenti su quali siano i rischi ed i vantaggi cui si va incontro e alla luce di questi privilegiare certe strategie e percorsi piuttosto che altri. Si è cercato quindi di costruire un percorso partendo dall'invenzione della scrittura, fino alla creazione delle prime macchine per insegnare e ai più recenti sviluppi della telematica e di Internet, tenendo conto di quelle correnti (Cognitivismo, Costruttivismo, ecc.) e di quei sistemi che hanno avuto un ruolo determinante nelle varie fasi di questo sviluppo. Possiamo certamente affermare che dal tempo in cui fu inventata la scrittura fino ad oggi, c'è stato un grande sviluppo di nuove tecnologie, ognuna delle quali è stata di volta in volta presentata come rivoluzionaria per l'apprendimento. Per questo abbiamo cercato di individuare le fasi cruciali e gli elementi maggiormente rilevanti che hanno contribuito al cambiamento. L’elaborato è diviso in due parti: la prima parte (dalle incisioni su pietra agli ipertesti narrativi multimediali) presenta un quadro storico e socioculturale atto ad individuare le varie tappe dell’evoluzione delle tecnologie comunicative e i loro risvolti educativi, sociali ed economici, concentrando l’attenzione sulla scrittura ipertestuale (Cap.I).

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Enrico Agabio Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6526 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.