Skip to content

Nazionalismo ed autodeterminazione: il caso basco nel contesto europeo

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Piccioli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Roberto Toscano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 299

Se si parte dal presupposto che il conflitto identitario, come ogni altro fenomeno sociale, sia il frutto di contingenze storiche anche complesse e che non possa essere ridotto ad un semplice legame di causa-effetto, la risposta politica che deve incontrare, specialmente in un contesto democratico, ha carattere altrettanto articolato.
Ritenere che i nazionalismi identitari in Europa occidentale debbano essere relegati ad affari interni degli stati è un approccio anacronistico e semplicistico; anacronistico, perché non prende in considerazione il contesto globale in cui le relazioni internazionali si sono trovate ad operare e non sfrutta il valore aggiunto della cooperazione; semplicistico perché qualsiasi soluzione di tipo nazionale è del tutto insufficiente e riduttiva per un fenomeno che oltre a rappresentare un problema è anche e soprattutto un sintomo. Uno stato ha tutto l’interesse a riassorbire la crisi rafforzandosi come sistema ed eliminando l’elemento di destabilizzazione, mediante la sua delegittimazione ed emarginazione.
L’Unione Europea rappresenta un esperimento di avanguardia che si basa sul presupposto e la pratica dei termini cooperazione, concertazione, accordo. Se è vero che, per il momento, l’interazione si svolge in maniera praticamente esclusiva a livello statale, non è da sottovalutare lo spazio di manovra che già esiste a favore degli enti territoriali substatali. Senz’altro, se ne è sottolineata l’inadeguatezza; ma ne è anche stata tracciata una eventuale e positiva evoluzione verso un ampliamento del dibattito intorno alle istituzioni europee a quelle entità che, per la loro contiguità ai cittadini, sono particolarmente rappresentative.
Quest’esigenza si inserisce nel discorso più generale della necessità di democratizzare l’integrazione europea. L’Europa delle Regioni, depurata da quegli elementi non genuinamente integrativi, rappresenta un’opzione valida e raggiungibile verso una partecipazione più variegata e rappresentativa delle realtà istituzionali.
La cooperazione transfrontaliera è uno strumento atto a potenziare la partecipazione regionale all’integrazione europea, mediante la messa a punto di intese – puntuali o istituzionalizzate – che mirano al raggiungimento di determinati obiettivi comuni. Nella sua versione più evoluta, la cooperazione transfrontaliera assume i tratti istituzionalizzati della regione comune. È interessante come questo espediente, a seconda dell’intensità delle sue applicazioni, riesca a dare una risposta concreta e relativamente immediata ad alcune aspirazioni che, in sua assenza, potevano venire realizzate soltanto mediante il raggiungimento dell’indipendenza nazionale.
Il caso basco rappresenta un caso di studio particolarmente esplicativo, anche alla luce dei più recenti avvenimenti.
Il discorso non è definire la giustezza delle rivendicazioni nazionaliste e la loro fattibilità, ma individuarne le ragioni e disinnescare la reazione a catena ad alto contenuto ideologico che paralizza il dibattito democratico e polarizza, radicalizzandole, le posizioni.
L’Europa non può da sola sanare delle ferite antichissime che afferiscono al proprio senso di appartenenza, al sentimento di identità. Non è in grado, da sola, di risolvere il conflitto basco, e forse neanche di fornire linee guida per uscire dall’impasse. Ma può, senz’altro, creare le precondizioni per il dialogo tra l’autorità centrale e le sue articolazioni; può dare esecuzione a quelle rivendicazioni regionali che risultino compatibili con un’integrazione europea democratica e sostenibile; può regalare opportunità e vantaggi in vista del superamento della dimensione nazionale.
I conflitti identitari, e il conflitto basco nello specifico, non si risolvono con la cooperazione transfrontaliera e neanche con l’istituzione della regione comune. Eppure questi possono rivelarsi meccanismi istituzionali importanti per ritrovare le ragioni del moderatismo, verso soluzioni globali, negoziate ed inclusive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE È difficile sistematizzare i movimenti nazionalisti che hanno interessato l’Europa occidentale entro una categoria statica; in questo caso, il fenomeno è iscritto nel codice genetico degli stati in cui è sorto e ha uno stretto legame di dipendenza con il processo di costruzione della nazione del XIX secolo, con propaggini nel passato. Non si può tuttavia escludere l’esistenza di un complesso di cause che hanno scatenato questo revival, anche in considerazione del fatto che ha interessato un’area in cui i conflitti identitari sembravano essere relegati alle guerre di religione del XVI e XVII secolo. Ad esempio, è senz’altro significativo che la recrudescenza delle rivendicazioni nazionaliste in Europa occidentale sia coincisa con il declino pressoché inarrestabile del prestigio dello stato nazione, mutilato nelle sue competenze effettive sia da progressive concessioni di sovranità verso l’alto – con l’istituzione delle Comunità europee e dell’Unione europea da un lato e con la costituzione di un apparato di difesa confluito sostanzialmente in quello americano della NATO dall’altro – e verso il basso, per effetto della pressione esercitata dalle entità substatali nella prospettiva di ritagliarsi un’azione autonoma. In un contesto del genere, il crollo del comunismo e la rinascita dei nazionalismi oppressi in Europa dell’est e l’accelerazione della costruzione dell’Unione e delle sue istituzioni in un lasso di tempo relativamente breve hanno reso possibile ai movimenti nazionalisti operanti nei vari stati europei una maggiore autonomia di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi