Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Filosofie della giustizia e azione affermativa

L'oggetto principale del lavoro è l'azione affermativa così come si è diffusa negli Stati Uniti nel corso degli ultimi decenni. Si vede come si è sviluppata l'affermazione di alcuni diritti particolari (allo studio, al lavoro, alla salute) ed l'eguaglianza in un paese tradizionalmente restio ad ogni imposizione da parte dello stato che limiti la libertà personale. Il discorso è collocato nell'ambito più prettamente filosofico come un problema di giustizia distributiva e di eguaglianza (nella varie accezioni che questa può assumere). Un dibattito a cavallo tra sociologia, filosofia, giurisprudenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA In questo lavoro ci si occuperà di questioni di giustizia distributiva, intendendo con ciò riferirsi a problemi generati da pretese conflittuali degli individui in merito alle possibili allocazioni di risorse scarse e oneri necessari. Tutte le teorie di giustizia distributiva condividono un’assunzione iniziale, che sia cioè possibile argomentare razionalmente intorno a scelte che riguardano la società e le sue istituzioni ed esprimere un giudizio di valore. Esse hanno perciò l’onere di presentarsi come etica pubblica: questo significa che nel distribuire vantaggi e svantaggi devono sempre tenere conto di tutti i destinatari delle assegnazioni ed essere in grado di estendere il ragionamento morale all’ambito pubblico, senza prendere in considerazione solo interessi particolari e settoriali. Si sta qui parlando di giustizia sociale: non a caso i due termini sono spesso utilizzati come sinonimi. Scegliere un criterio di giustizia significa scegliere razionalmente dei princìpi distributivi per beni ed oneri pubblici, ed essere consapevoli del fatto che una scelta di questo genere comporta innanzitutto delle difficoltà conoscitive: quali sono i beni e gli oneri da distribuire? Chi ne deve essere il destinatario? Qual è il fine di una tale distribuzione (ammesso che sia lecito porsi dei fini)? Se appare a prima vista ragionevole affermare che risolvere questioni di giustizia significa distribuire beni eguali a persone eguali, si riconosce immediatamente come in realtà sia un problema il fatto

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Norma Parena Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1373 click dal 15/06/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.