Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Peter Pan, il bambino che non voleva crescere: dalla letteratura al cinema

Il personaggio di Peter Pan è stato travisato, soprattutto in Italia. Nella mia tesi ripercorro le tappe che dal libro hanno portato al film della Disney e oltre. Segnalo anche gli impieghi che sono stati fatti dei personaggi del libro al di fuori di letteratura e cinema

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Ho scoperto Peter Pan due volte: la prima è stata al cinema e la seconda leggendo il libro di J. M. Barrie. La differenza tra i due personaggi mi ha talmente colpita che ho voluto cercare di capire più a fondo queste due icone. Si tratta di due Peter diversi: il Peter Pan della versione cinematografica Disney, l’eroe positivo che incarna la giovinezza eterna, e il Peter Pan di J. M. Barrie, che rappresenta la realtà del disagio provocato dal rifiuto. Diverse volte il personaggio del bambino che non voleva crescere è riemerso prima e dopo l’apparizione cinematografica disneyana. Peter Pan compare per la prima volta in “The Little White Bird” (1902), in cui Barrie descrive gli incontri tra un uomo e un bambino, David, che passeggiano per i Kensington Garden. L’adulto racconta a David diverse storie legate ai giardini in cui si trovano, una di queste è quella di Peter Pan. Successivamente, nel 1904, venne realizzata la versione teatrale più estesa e approfondita: Peter Pan: or The Boy Who Would Not Grow Up. La commedia ebbe un successo tale che gli editori Hodder and Stoughton decisero di pubblicare i capitoli di “The Little White Bird” riguardanti Peter in un volume a sé, intitolandoli Peter Pan in Kensington Garden. Il romanzo che ora noi leggiamo, Peter and Wendy, è del 1911, a questo hanno fatto seguito molte versioni cinematografiche e non. Già nel 1924 Herbert Brenon realizzò un film muto sulle avventure di Peter Pan, seguito l’anno successivo da Walter Lantz. Da citare sono Hook (Stati Uniti, 1991) e Peter Pan. Ritorno all’isola che non c’è (Stati Uniti, 2002); il primo è il sequel del romanzo di J. M. Barrie immaginato da Steven Spielberg, il secondo è il sequel realizzato dalla Disney. Oltre ai film per il cinema e la televisione sono stati realizzati musical e serie di film d’animazione per bambini, soprattutto in Giappone. Alcuni cantanti, italiani e stranieri, come Edoardo Bennato, Enrico Ruggeri, Giorgia, The Smashing Pumpinks, Kate Bush e Patty Griffin, hanno introdotto il personaggio di Peter Pan nei loro lavori. Prima di giungere a leggere la versione originale dell’opera di Barrie, i miei incontri con Peter Pan sono stati attraverso il cinema e la musica: in particolare attraverso il film Disney e l’album “Sono solo canzonette” di Edoardo Bennato. Seguendo un corso sulla letteratura per l’infanzia del Professor Carlo Pagetti 1 ho avuto modo di affrontare Peter and Wendy e il ricordo che avevo del personaggio non coincideva con la figura riscontrata nel romanzo. Le differenze tra il libro di Barrie e il film di Walt Disney mi hanno spinto a voler capire quali fossero i motivi di tale diversità. Questi sono stati individuati principalmente in 1 Mi riferisco al corso tenuto nell’anno accademico 2001/2002 presso l’Università Statale di Milano

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federica Crespi Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 24115 click dal 29/06/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.