Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'accordo di programma come strumento di realizzazione di Opere Pubbliche

Una analisi dello strumento dell'accordo di programma condotta sotto il profilo della sua utilizzazione nel settore dei lavori pubblici, sopratutto al fine di velocizzare ed ottimizzare i procedimenti amministrativi podromici alla localizzazione e realizzazione delle opere.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. I RAPPORTI TRA LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA. La materia è regolata in via generale dalla legge urbanistica del 1942, n. 1150, la quale, agli articoli 5, 7 e 13, sancisce il principio generale per cui le opere pubbliche devono essere previste nei piani territoriali di coordinamento, nei piani regolatori comunali e nei piani particolareggiati. Tale principio trova riscontro anche nell’art. 14 della Legge- Quadro: stabilisce il 1° comma di detto articolo che il programma triennale ed i suoi aggiornamenti annuali, relativi all’attività di realizzazione dei lavori, devono essere predisposti ed approvati nel rispetto dei documenti programmatori già previsti dalla normativa vigente, e nel rispetto della normativa urbanistica 1 . Inoltre, lo stesso articolo 14, all’8°comma, prevede che “i progetti di lavori degli enti locali (…) devono essere conformi agli strumenti urbanistici vigenti o adottati”. Dunque la regola è costituita dalla conformità agli strumenti di programmazione del territorio, rispetto ai quali deve adeguarsi la programmazione delle opere pubbliche. Precedentemente al riordino delle funzioni amministrative, attuato con il D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 112, la competenza ad accertare eventuali contrasti tra le prescrizioni dei piani e le opere pubbliche, statali o di interesse statale, era attribuita al Ministero dei Lavori Pubblici e non prevedeva la partecipazione degli enti locali interessati. 1 La giurisprudenza del Consiglio di Stato ha precisato che l’opera pubblica deve essere compatibile con le statuizioni del piano regolatore generale del comune nel quale deve essere realizzata (cfr. Cons. Stato, Sez. IV, 19 luglio 1972, n. 729).

Tesi di Master

Autore: Francesco Marascio Contatta »

Composta da 22 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3783 click dal 28/09/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.