Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione infrastrutturale e competitiva del trasporto merci via mare. L'esperienza dello Short Sea Shipping nell Tirrenia Navigazione

Il trasporto è domanda generata da altra necessità, precisamente quella di rendere disponibili determinati beni laddove ne nasca il bisogno.
Tale domanda va soddisfatta al meglio, avvalendosi di impianti e mezzi adeguati, e nel modo più economico possibile, essendo il costo contenuto funzione dello sviluppo stesso degli scambi.
In Italia il trasporto marittimo, è quello di cabotaggio in particolare, non occupa il posto che gli spetterebbe, considerando le sue reali possibilità, che si basano su costi mediamente più bassi e sulla naturale posizione geografica e predisposizione orografica del nostro paese, non tralasciando il rispetto dei fattori ambientali.
In questo lavoro si esamina l’evoluzione del trasporto via mare, del cabotaggio in particolare, segnatamente con riguardo alle merci; tale modalità, attualmente, è in fase di forte sviluppo per molteplici motivazioni.
Si analizzano, anche gli effetti positivi che lo sviluppo del trasporto via mare porterà all’economia italiana.
In particolare l’analisi è puntata sul cabotaggio , avendo per oggetto il trasporto merci, che con le recenti direttive europee sta assumendo il ruolo che gli competeva da tempo.
Lo studio esamina ed evidenzia i flussi europei ed italiani .
L’analisi parte dall’individuazione del cabotaggio, in tutti i suoi aspetti, esaminando quali sono le principali motivazioni di sviluppo, le alternative ad esso come il trasporto su strada e su strada ferrata, ed infine quali strategie devono perseguire le imprese che utilizzano questa modalità di trasporto. L’obiettivo è quello di conseguire validi risultati sia in termini di qualità del servizio, che in termini di profitto.
Particolare attenzione viene riservato al concetto di intermodalità nelle sue diverse accezioni come strada-mare, ferro-mare ed altre .
L’esame delle infrastrutture è approfondito mettendo in risalto, non solo l’entità del tonnellaggio delle navi adibite al cabotaggio, ma i porti e le direttrici che ad essi arrivano e che da essi ripartono, esaminando le nuove tecnologie delle strutture di imbarco e sbarco.
L’esposizione procede esaminando il punto di arrivo di questa evoluzione in atto: lo “Short Sea Shipping”, definendolo, motivandolo e passando in rassegna gli interventi da effettuare in modo da renderlo sempre più rispondente agli obiettivi per i quali è sorto e si sta sviluppando .
Il progetto dello “Short Sea Shipping” è stato proposto dalla commissione europea sin dal 1997 ed esso racchiude le condizioni per il potenziamento del cabotaggio e le indicazioni verso il maggior utilizzo delle “autostrade del mare”. Tali norme permetteranno una maggiore integrazione dei vari tipi di modalità di trasporto, con un contemporaneo decongestionamento della rete stradale e conseguenti benefici ambientali.
Si passeranno in rassegna i finanziamenti predisposti, con il progetto Marco Polo, al fine di facilitare lo sviluppo nel senso desiderato e la conseguente reazione delle imprese del settore con gli eventuali cambiamenti delle loro strategie.
Si prosegue con il confronto tra le due modalità di trasporto, esaminando sia i vantaggi gestionali che ne derivano, che quelli ambientali e sociali.
I vantaggi di gestione si evidenziano con l’esame della struttura dei costi e con l’aiuto del teorema di Hoover, si perviene alla dimostrazione della convenienza nell’utilizzo di questa modalità di trasporto.
Lo studio esamina con attenzione la diminuzione dei cosiddetti “costi esterni” evidenziando che l’utilizzo di questa modalità protegge l’ambiente.
Si prosegue con considerazioni critiche riguardo lo Short Sea Shipping e il suo necessario sviluppo, mostrando i lati negativi che il mancato utilizzo comporterebbe.
L’esposizione si conclude con l’esame di un caso concreto, quello della Tirrenia Navigazione S.p.a., azienda peculiare di questo settore, che si trova ad operare tra due poli opposti: l’eccessiva burocrazia che ha in eredità quale aziende a partecipazione statale, con un oggetto sociale considerato di interesse pubblico, e le direttive Europee convergenti verso una completa liberalizzazione.
L’imperativo categorico è quello di adeguare le strategie, al nuovo, allo scopo di cogliere le opportunità di sviluppo che questa modalità di trasporto presenta.
Nell’ultimo capitolo si presenta una breve storia dell’azienda evidenziando le attività e le risorse impiegate ed esaminando l’attività attuale dell’impresa. L’attività del cabotaggio nell’impresa rappresenta una metodologia usata da molti anni e con la quale la Tirrenia di Navigazione S.p.a. ha raggiunto la sua affermazione; ma la società ha l’arduo compito, con le altre imprese del settore, di conseguire risultati tali da far diminuire la distanza che attualmente si registra tra il cabotaggio italiano e quello europeo.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il trasporto Ł domanda generata da altra necessit , precisamente quella di rendere disponibili determinati beni laddove ne nasca il bisogno. Tale domanda va soddisfatta al meglio, avvalendosi di impianti e mezzi adeguati, e nel modo piø economico possibile, essendo il costo contenuto funzione dello sviluppo stesso degli scambi. In Italia il trasporto marittimo, Ł quello di cabotaggio in particolare, non occupa il posto che gli spetterebbe, considerando le sue reali possibilit , che si basano su costi mediamente piø bassi e sulla naturale posizione geografica e predisposizione orografica del nostro paese, non tralasciando il rispetto dei fattori ambientali. In questo lavoro si esamina l evoluzione del trasporto via mare, del cabotaggio in particolare, segnatamente con riguardo alle merci; tale modalit , attualmente, Ł in fase di forte sviluppo per molteplici motivazioni. Si analizzano, anche gli effetti positivi che lo sviluppo del trasporto via mare porter all economia italiana.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Parrilli Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5117 click dal 14/07/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.