Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Libri Carolini (Opus Caroli regis contra synodum) e la Storia della Filosofia

Alla fine dell’VIII secolo il re franco Carlo emana un anomalo capitolare, comunemente conosciuto con il titolo di Libri Carolini, destinato ad avere già in età carolingia una diffusione molto limitata, se non addirittura nulla. Il testo, realizzato per presentare la posizione ufficiale del sovrano sulla questione del culto da attribuire alle immagini sacre, e quindi dedicato principalmente ad una tematica di natura chiaramente religiosa, presenta infatti delle peculiarità che lo differenziano notevolmente, e in modo evidente, da un comune testo legislativo. Innanzi tutto va ricordata l’ampiezza (è composto di ben quattro libri) e la complessità del testo, ricco peraltro di riferimenti alle problematiche più varie quali, ad esempio, in ambito religioso, la legittimità del Sinodo Niceno II (altro argomento fondamentale dell’opera, da cui il titolo di Opus Caroli regis contra synodum) e la questione del Filioque, ma anche a tematiche di tipo politico (come la delegittimazione dell’autorità del Basileus) e culturale. A queste peculiarità va poi aggiunta la presenza di numerosi riferimenti al pensiero e alle opere dei maggiori filosofi cristiani del passato, ma soprattutto la particolare metodologia filosofica utilizzata nel capitolare, per mezzo della quale ogni argomentazione, anche quelle relative a problematiche di natura teologica, è sistematicamente sostenuta da dimostrazioni razionali, fondate, a loro volta, sull’applicazione rigorosa delle norme delle arti liberali, e che attribuisce al testo, a tutti gli effetti, le caratteristiche di un complesso trattato teologico.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Alla fine dell’VIII secolo il re franco Carlo emana un anomalo capitolare, comunemente conosciuto con il titolo di Libri Carolini, de- stinato ad avere già in età carolingia una diffusione molto limitata, se non addirittura nulla. Il testo, realizzato per presentare la posizione uf- ficiale del sovrano sulla questione del culto da attribuire alle immagini sacre, e quindi dedicato principalmente ad una tematica di natura chia- ramente religiosa, presenta infatti delle peculiarità che lo differenziano notevolmente, e in modo evidente, da un comune testo legislativo. In- nanzi tutto va ricordata l’ampiezza (è composto di ben quattro libri) e la complessità del testo, ricco peraltro di riferimenti alle problematiche più varie quali, ad esempio, in ambito religioso, la legittimità del Sino- do Niceno II (altro argomento fondamentale dell’opera, da cui il titolo di Opus Caroli regis contra synodum) e la questione del Filioque, ma anche a tematiche di tipo politico (come la delegittimazione dell’autorità del Basileus) e culturale. A queste peculiarità va poi ag- giunta la presenza di numerosi riferimenti al pensiero e alle opere dei maggiori filosofi cristiani del passato, ma soprattutto la particolare me- todologia filosofica utilizzata nel capitolare, per mezzo della quale ogni

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Biagio Pastorino Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2026 click dal 04/08/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.