Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tutela delle minoranze: azione sociale di responsabilità

Nella Sezione I di questo lavoro si è analizzato la tutela delle minoranze con particolare attenzione al tipo di tutela prevista dal T.U.F. e dalla nuova riforma del diritto societario elaborata dalla Commissione Vietti.
La Sezione II è dedicata all'istituto dell'azione sociale di responsabilità promossa dalle minoranze e soprattutto si è analizzato le novità apportate dall'abrogazione dell'art. 129 T.U.F che è avvenuta per effetto del d.lgs n. 37 del 2004.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa Con la diffusione e l’intensificarsi degli scambi e la globalizzazione dei mercati emergevano prepotenti esigenze di “protezione e sicurezza” degli investitori volte ad incentivarli a “sostenere” (con la sottoscrizione di titoli) le società, sviluppando, cioè, l’afflusso di maggiore capitale di rischio. Quale tipo di tutela era necessario? Una “endotutela” cioè una “eterotutela pubblicistica”, che imponesse dall’esterno, determinate norme e strutture? Oppure una “autotutela”, che attribuisce agli azionisti diritti e poteri, lasciando, a loro, la discrezionalità nell’utilizzarli? Il d.lgs. n. 58/1998, avente ad oggetto la riforma dei mercati finanziari, ha cercato un punto di equilibrio fra le due soluzioni, lasciando anche ampio spazio all’ autonomia statutaria, che però ad oggi pare ancora scarsamente sfruttato. Sulla scia del suddetto decreto legislativo, che si è occupato esclusivamente della disciplina delle s.p.a. quotate, sono proseguiti i lavori di revisione di tutta la normativa delle società commerciali, la c.d. riforma Mirone, tradottasi dapprima nella legge delega n. 366 del 2001, e quindi, a seguito dell’elaborazione della Commissione Vietti, nel D.Lgs. n. 6 del 2003. La volontà di porre mano ad una riforma integrale del diritto societario nasce dalla necessità di ammodernare il corpus del diritto comune, occupandosi anche di quegli aspetti sui quali non era stato possibile intervenire in sede di T.U.F. Inoltre, per evitare che le nuove, più stringenti, norme del testo unico potessero

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimiliano De Martino Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3836 click dal 01/09/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.