Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'emissione di euroobbligazioni in Italia

Il lavoro documenta la recente crescita del mercato italiano delle euroobbligazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Con l'avvio della moneta unica le imprese e le banche italiane hanno notevolmente aumentato le emissioni di obbligazioni sul mercato internazionale 1 . Come per gli altri paesi europei, questo sviluppo è stato sollecitato dall'annullamento del rischio di cambio all'interno dell'area euro, dal basso livello dei tassi d'interesse reali, dalle esigenze di finanziamento delle operazioni di fusione e acquisizione tra imprese, dall’incidenza dei fattori fiscali. Uno sguardo retrospettivo di lungo periodo pone in luce che, tradizionalmente, le imprese italiane hanno fatto un ricorso limitato al mercato obbligazionario per le loro esigenze di finanziamento. II Governatore Menichella, nel corso degli anni cinquanta, auspicava un più ampio finanziamento degli investimenti attraverso 1'aumento del capitale azionario e con 1'emissione diretta di obbligazioni, nella convinzione che il vaglio del mercato determinasse un aumento dell'efficienza delle imprese 2 . La quota di obbligazioni sul flusso totale dei fondi disponibili per il settore privato raggiunse un picco del 17 per cento tra il 1963 e il 1965 3 ; è stato stimato che nel 1965 la consistenza delle obbligazioni in circolazione per un campione rappresentativo di im- prese avesse raggiunto il 6 per cento delle passività complessive 4 . Negli anni settanta e ottanta il fortissimo sviluppo delle emissioni di titoli di Stato e la rapida crescita dell'inflazione, erose il valore delle obbligazioni a tasso fisso che rappresentavano la gran parte di quelle in circolazione, ed impedirono 1'ampliamento del mercato della carta privata, alimentato, pertanto, quasi esclusivamente da 1 Prime analisi su questo mercato sono state pubblicate nel Bollettino Economico della Banca d’Italia n.34 del marzo 2000; cfr. il riquadro su “Il mercato obbligazionario nell’area dell’euro” 2 F.Cotula (a cura di), 1999,” Stabilità e sviluppo negli anni cinquanta”, Roma-Bari, Laterza 3 idem 4 F.Barbiellini Amidei- C.Impenna, 1999, “Il mercato azionario e il finanziamento delle imprese negli anni cinquanta in F.Cotula (a cura di) ,” Stabilità e sviluppo negli anni cinquanta”, Roma-Bari, Laterza 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimiliano Vai Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1045 click dal 31/08/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.